Commenta per primo

Ma Porcedda avrà veramente regolato tutte le pendenze? Questo è l'interrogativo che da almeno 48 ore è diventato il tormentone del tifo bolognese, più che mai preoccupato per le sorti future del club.  Sergio Porcedda lunedì sera aveva rassicurato tutti di aver adempiuto a tutti i pagamenti - relativi agli stipendi di luglio, agosto e settembre . proprio nell'ultimo giorno utile per evitare penalizzazioni, ma al momento nessuno sa se quei bonifi siano effettivamente partiti. Dalla Covisoc infatti trapela, come riferito anche dalla stampa nazionale che non sia arrivata l'autocertificazione della società felsinea relativa ai pagamenti, incluse le ricevute dei bonifici bancari e dunque tutto parrebbe ancora avvolto nel mistero.

Intervistato dal Corriere dello Sport Stadio, il direttore sportivo Carmine Longo ha affermato: "Non decido io, se ne occupa il presidente, che comunque ci ha rassicurato. In ogni caso non c'è motivo per dubitare, anche perchè non sono cose che si possono nascondere. Comunque a Porcedda non posso chiedere il codice di riferimento dell'operazione bancaria...". Commento che ha lasciato basati i tifosi, che ancora una volta si stanno interrogando sullo spessore della nuova proprietà che da quando si è insediata a Bologna, ha continuato a lasciare perplessità sul suo operato.

Se ne saprà di più nelle prossime ore dunque, quando i soldi dovrebbero arrivare nella disponibilità effettiva dei destinatari. Intanto domani c'è un'altra scadenza vitale per il Bologna: il club felsineo deve saldare anche le imposte arretrate con l'Irpef relative ai mesi di maggio e giugno. Anche in questo caso incombe la penalizzazione, anche se di un solo punto, provvedimento che, stando ai rumors dovrebbe arrivare in ogni caso.