39
Sassuolo, Lecce in Coppa Italia, poi Lazio, Genoa e Crotone: sono le cinque partite che potrebbero rivelarsi decisive per il futuro di Marco Giampaolo al Torino. Il tecnico per il momento non rischia, ha la fiducia e la stima di Urbano Cairo e di Davide Vagnati, entrambi convinti del fatto che possa in tempi brevi raddrizzare il campionato che la squadra granata ha iniziato nel peggiore dei modi, con tre sconfitte in altrettante gare disputate. Dopo la partita contro la formazione calabrese, in programma domenica 8 novembre, la serie A si fermerà per lasciare spazio alle nazionali: sarà quello il momento giusto per presidente e direttore tecnico per fare il punto su Giampaolo

PARTITE DECISIVE - Ovviamente, se nelle prossime cinque partite il Torino dovesse riuscire a raccogliere il bottino pieno, o quasi, non ci sarebbe bisogno di nessun vertice e Giampaolo manterrebbe saldo il proprio posto in panchina. Uno scenario che il tecnico spera che possa concretizzarsi, ma se lo augurano anche Cairo e Vagnati: anche perché un esonero a inizio novembre dell’allenatore sancirebbe un altro fallimento per quanto riguarda il progetto tecnico, dopo che già la scorsa stagione è stata ben inferiore alle aspettative. 
BOOKMAKERS CONTRO GIAMPAOLO - Se Cairo crede ancora in Giampaolo e nel fatto che possa risollevare il Torino, i bookmakers non sono dello stesso avviso: la quota riguardante l’esonero dell’allenatore è scesa dal 4,00 di inizio campionato a 1,65. Ciò che più conta per il tecnico è certamente avere la fiducia della società, ma è consapevole lui stesso che la pazienza del presidente granata non potrà durare in eterno e che il Torino, già dalla partita di domani contro il Sassuolo, dovrà mostrare qualcosa di diverso rispetto a quanto fatto vedere finora. L’8 novembre, in fondo, non è poi così distante.