80
Massimo Giletti è talmente tifoso della Juventus che... "Potresti quasi fare il dirigente" gli diciamo noi scherzando durante la diretta Twitch. E lui sorride: "Chi ha passione vede i giocatori. Per esempio, mi chiedo: come ha fatto la Lazio a comprare Muriqi?! Si capisce che non ha i piedi, non ha qualità". Poi, tira fuori il nome dal cilindro: "Vlahovic alla Juve lo prenderei subito". Tifoso sì, ma lucidissimo: "Il problema è il bilancio della Juve, la società non ha la possibilità di spendere 50/60 milioni per prenderlo. Sarebbe il giocatore ideale, ma credo sia complicato".

OBIETTIVI - "Dopo aver dominato per anni ti dovrai ricucire addosso un ruolo che non è più quello di prima, ma non mi sembra una tragedia. Stiamo pagando i cambiamenti in corsa e penso che la società, con grande serenità, debba dire ai tifosi che l'obiettivo è la qualificazione in Champions League. Napoli, Roma, Milan e Inter ad oggi sono più competitive della Juve".

GILETTI TIFOSO - "La gara di mercoledì col Sassuolo la vedrò assolutamente. Io vado in onda alle 21.20 con 'Non è L'Arena', so che la Juve giocherà prima e la seguirò; è una partita da vincere a tutti i costi. Hanno cambiato il calendario per me? Per fortuna tengono ancora in considerazione i vecchi tifosi... Fino a due anni fa quando potevo andavo sempre a vedere le partite allo stadio, adesso me le guardo in solitudine con le mie scaramanzie: mi siedo sempre nello stesso posto, per esempio". 

INTER-JUVE - "Che il rigore su Alex Sandro ci fosse è evidente perché l'arbitro è stato richiamato dal Var, ma io che gioco a calcio vi dico che quello è un fallo che lascia il tempo che trova. Piuttosto è più preoccupante che non l'avesse visto l'arbitro che era lì vicino". 

UN'ALTRA JUVE - "Questa è una Juve che fa molta fatica, ha poca qualità a centrocampo e gli manca un centravanti 'vero'. Si rincorre una squadra che ancora non c'è, nel frattempo Allegri ha messo tutti dietro cercando di non prendere gol. E' un po' triste vedere questa situazione, sono stati fatti molti errori e si sta cercando di cucirsi addosso un modulo che la Juve possa portare avanti. Io depresso? Non mi arrendo, ma si è investito su giocatori che non hanno reso. Sono convinto che se Ronaldo fosse andato via tempo fa, Dzeko sarebbe stato un giocatore della Juve. E se avessimo fatto lo scambio Dybala-Lukaku probabilmente avremmo risolto tante cose, perché è quel tipo di giocatore che tiene in piedi da solo un attacco e fa 20 gol all'anno". 
ALLEGRI - "Sono convinto che Allegri sia l'unico che può raddrizzare la squadra, conosce bene l'ambiente e parte dei giocatori. Forse non ha valutato bene alcune situazioni dopo essere rimasto fuori per due anni. Io avrei dato più tempo a Sarri e non ho mai capito l'arrivo di Pirlo; il fatto di mandare via allenatori che vincono fa capire che siamo in difficoltà anche a livello decisionale".

KULUSEVSKI - "Non mi convince. E' costato tantissimo, ma non riesco a capire quale sia il suo ruolo. Ha segnato un gol importantissimo con lo Zenit, ma faccio fatica a capire dove collocarlo. Quello che mi preoccupa è che, rispetto agli altri club, i giovani che tiriamo fuori dal vivaio li vendiamo in giro. Il Marchisio di turno non è più nato".

FAGIOLI - "E' un mio dispiacere, perché anche in partite dove c'erano centrocampisti infortunati l'ho visto giocare al massimo 20' e mi chiedo: se uno come Pirlo non lo fa giocare di più neanche contro il Benevento, ho qualche dubbio sulla qualità di questo giocatore. O sulla qualità di chi non lo metteva".

@francGuerrieri