51
Le immagini dei giocatori dell'Italia divisi mentre i gallesi erano in ginocchio come segno di protesta contro ogni forma di razzismo hanno fatto il giro del mondo. Un momento imbarazzante, al quale nessun azzurro era preparato, un episodio che non si ripeterà più: domani è prevista una riunione nella quale si prenderà una decisione. O tutti o nessuno. Gli azzurri tengono a precisare la volontà comune di battersi contro il razzismo, indipendentemente dalla scelta sull'inginocchiarsi.​ Dall'alto non è arrivata una linea guida, come precisato dal presidente federale Gravina: "Non ci possono essere imposizioni federali su una questione così. L’iniziativa deve essere lasciata alla sensibilità personale".