Commenta per primo
Sono tanti, troppi anni che il Benevento tenta di salire in Serie B: una maledizione sembra aver colpito la società campana, sempre competitiva in quella che prima era la Serie C1 e che ora è semplicemente la Lega Pro. Questo però può davvero essere l'anno buono: l'attacco è di un'altra categoria (Marotta ed Eusepi hanno entrambi presenze in serie cadetta), il portiere è cresicuto nella Primavera del Milan (Piscitelli, ora ai box per infortunio), la difesa ha esperienza e sicurezza (Celjak e Lucioni su tutti) ma soprattutto c'è un centrocampo a cui non manca fantasia (Alfageme e Campagnacci) e sostanza. Quando parliamo di quantità ecco che sotto i riflettori finisce il protagonista della nostra settimana, dedicata a Daniel Kofi Agyei (foto tuttocalciocampano.it) che a Benevento sembra essere vicino a compiere il tanto agognato salto di qualità.

QUEL DEBUTTO COL BARI - Agyei nasce ad Accra in Ghana l'1 gennaio 1992: vicino al compimento dei 23 anni, il ragazzo cresce nelle giovanili della Fiorentina, arrivando a debuttare in Serie A già nel maggio del 2010, quando è maggiorenne da pochi mesi (gioca 45' contro il Bari). La società toscana crede in questo centrocampista, dotato di un gran fisico e di una discreta velocità, e decide di tenerlo altri due anni nella propria Primavera, prima di cederlo in prestito in Serie B nel 2012/13 alla Juve Stabia. Qui Agyei resta un anno, raccogliendo appena 17 presenze: non tantissime per un ragazzo che ha bisogno di giocare il più possibile per prendere confidenza con il calcio professionistico.
ECCO IL BENEVENTO - La Fiorentina capisce che forse è stato fatto un passo più lungo della gamba: la Serie B era troppo, meglio la Lega Pro. Ecco allora che si fa avanti il Benevento: i campani decidono di acquistare metà cartellino di Agyei che va in comproprietà tra Benevento e Fiorentina. Agli ordini di Guido Carboni però il ghanese non è subito titolare: gioca poco (appena 9 presenze), spesso finisce anche in tribuna. Quando a gennaio il Benevento esonera il tecnico per far posto a Fabio Brini, Agyei entra nell'unidici titolare e solo un infortunio al ginocchio non gli permette di essere protagonista fino al termine del campionato. Il resto è storia recente con il ragazzo ormai perno del centrocampo del Benevento (la comproprietà è stata rinnovata): quest'anno non si può fallire, l'obiettivo Serie B è concreto più che mai e Agyei vuole tornarci, consapevole di essere decisamente più maturo rispetto a quel giovanotto che alla Juve Stabia non riuscì a esprimersi come avrebbe voluto.