24
 
Ragazzi promettenti e in rampa di lancio, i campioni delle nuove generazioni sono pronti a prendersi la Serie A e non solo: viaggio alla scoperta delle giovani promesse del campionato italiano, un appuntamento settimanale per conoscere meglio i futuri padroni del calcio.


Esplosivo, preciso, efficace: in una parola, un muro. Thomas Strakosha è uno dei punti fermi della Lazio, una delle certezze alle quali si aggrappano i tifosi biancocelesti e Simone Inzaghi nella rincorsa a un posto in Champions League, impresa solo sfiorata la scorsa stagione. Otto le partite di questa Serie A chiuse a rete inviolate dal portiere albanese (nove con i quarti di finale di Coppa Italia contro l'Inter, match nel quale è stato decisivo ai rigori), ultima quella più speciale: il 3-0 rifilato alla Roma nel derby della Capitale, una prova stoica che lo ha visto stringere i denti fino alla fine nonostante i problemi alla spalla, guai che potrebbero costringerlo ai box. E per la Lazio non sarebbe semplice rinunciare a Strakosha: lo dice il vice che dovrebbe prendere il suo posto, Proto ("Mai visto uno forte come lui"); lo dicono soprattutto i numeri, il 72% di tiri parati, una parata ogni 26 minuti.







Mani sicure per il cammino della Lazio e sicure sono anche le mani dei biancocelesti sul futuro di Strakosha. Gli interessamenti non mancano, la scorsa estate ci aveva pensato il Liverpool prima di virare definitivamente su Alisson e più recentemente il Tottenham ha monitorato il suo profilo per il dopo Lloris, ma Lotito e Tare sono forti di un contratto fino al 2022 e della volontà di entrambe le parti di andare avanti insieme: la Champions però è un fattore importante e la qualificazione alla prossima edizione potrebbe essere un altro, importante lucchetto per blindare definitivamente il portiere classe '95 e mettersi al riparo dalle sirene che torneranno a farsi sentire la prossima estate. Quando poi si potrà parlare anche del contratto: la scadenza è lontana, ma Strakosha potrebbe essere premiato con un rinnovo e un ritocco all'attuale ingaggio da un milione a stagione. La Lazio si gode Strakosha: una vera e propria muraglia per il presente e per il futuro.


SEGUI LE 'GILLETTE GIOVANI PROMESSE' SU GILLETTE_ITALIA