Commenta per primo
Cristiano Giuntoli, ds del Napoli, parla ai microfoni di Sky Sport nell'immediata vigilia della sfida con l'Atalanta.

SU OSIMHEN - "I numeri parlano chiaro, Osimhen è un ragazzo che riesce a creare molti spazi e a lavorare molto per la squadra. Attacca sempre la linea offensiva e i pali. In futuro farà sicuramente grandi cose. Se è da doppia cifra di gol? Sì, credo di sì".

SULLE POLEMICHE PASSATE CON L'ATALANTA - "Non pensiamo mai agli anni precedenti. Si pensa al presente, fatto di grandi emozioni sul campo e meno emozioni fuori dal campo. Non pensiamo a quello che è stato, ma a ciò che c'è da fare".

SULLE MANCATE CESSIONI - "Il Covid-19 è stato una spada di Damocle per qualsiasi azienda e lo sarà a prescindere anche per il Napoli. Ma abbiamo una proprietà forte, veniamo da gestioni molto ferme, fatte con cervello. Il Napoli riuscirà a riemergere anche dopo questo periodo".

MIGLIORI ACQUISTI?  - "Koulibaly? Ce ne sono diversi. Da Zielinski a Mertens, passando per Insigne. Il Napoli ha patrimonializzato tanto. Il discorso Milik è più suo. Gli abbiamo forte più volte il rinnovo, ma ci ha detto esplicitamente che voleva andarsene. Noi abbiamo fatto altre scelte e la conseguenza è naturale".

SUL SEGUITO DELLA PARTITA CON LA JUVE - "Abbiamo provato a fare bene nel quotidiano, approfittando della situazione per restare insieme e programmare tutti insieme il futuro".