232
Il progetto per il nuovo stadio di Inter e Milan e il conseguente abbattimento dello storico impianto di San Siro continua a far discutere non solo in Italia. Sì perché il dibattito sul futuro del Giuseppe Meazza si è allargato addirittura oltre confine approdando in Gran Bretagna dove l'Architet's Journal, storica rivista londinese dedicata all'architettura, si è esposta contro i piani delle due società milanese.

BOICOTTARE IL BANDO - Come riportato da Tuttosport l'Architets Declare, un gruppo di architetti provenienti da tutto il mondo e riuniti con la mission di favorire interventi eco-sostenibili, ha proposto di boicottare il bando internazionale che sarà indetto da Inter e Milan per scegliere il progetto migliore per il nuovo stadio. "L'Arsenal ha abbandonato Highbury, ma il vecchio stadio è rimasto in piedi e trasformato in modo estremamente soddisfacente. Per contrastare queste proposte dei club si potrebbe chiedere di allestira una gara parallela per un riutilizzo a basso impatto dello stadio esistente".

DA PAZZI ABBATTERLO - "La demolizione di un edificio enorme per fare spazio a uno più piccolo è abbastanza indifendibile come scelta di design. È da pazzi. Se questo fatto si combina alla rinuncia del campo di calcio più storico d’Italia, la perdita è devastante e spinge a immaginare la necessità di un intelligente riutilizzo. Edifici come questo, che sono totem del cambiamento nel corso dei decenni, devono indicare come le costruzioni possano essere conservate e riadattate".