407
Diego Godin e l'Inter, più di una promessa. Più di un patto o di un'intesa, piovono conferme su un'operazione che il ds nerazzurro Piero Ausilio stava portando avanti in gran segreto da tempo: c'è la sua regia su un affare importante che porterà a Milano dal prossimo giugno il Caudillo, capitano dell'Atlético Madrid e dell'Uruguay, uomo simbolo di un ciclo per i Colchoneros e difensore tra i più forti al mondo, con 33 anni da compiere tra poco più di un mese. Tutto fatto a costo zero, perché Diego non rinnoverà con l'Atlético e inizierà una nuova avventura in Italia. Non ci sono sorprese all'orizzonte, Godin prepara il suo passaggio all'Inter con massima trasparenza e serenità.

VISITE E DETTAGLI - La società sta già pianificando le visite mediche per l'uruguaiano: come accadde anni fa per Ever Banega al centro di una situazione simile di acquisto a parametro zero, i test atletici verranno realizzati prima tra gennaio e febbraio, poi nuovamente in estate al momento della firma, pura formalità. Godin firmerà con l'Inter fino al giugno 2021, due anni di contratto più un'opzione sulla terza stagione che dipenderà dalla tenuta fisica del centrale. L'altro club che ha tentato di prenderlo è stato il Manchester United, operazione però bloccata con l'addio di Mourinho che ha spianato la strada ai nerazzurri.

LA CESSIONE E SKRINIAR - L'arrivo di Godin a giugno porterà come conseguenza una cessione in difesa: Miranda è già sicuro di lasciare l'Inter, l'ex compagno di reparto proprio dell'uruguaiano all'Atlético ha chiesto alla dirigenza di andare via e verrà accontentato, da capire se già a gennaio o in estate a seconda delle offerte. Godin prenderà il suo posto in rosa, al momento l'Inter non prevede una partenza illustre come quella di Milan Skriniar (sempre in piedi i discorsi per il suo rinnovo) e non ha alcuna intenzione di accettare alcuna offerta; nei programmi quindi non è stato preso Godin per sostituire Skriniar, in estate poi si valuterà tutto anche in base all'entità delle proposte, di fronte a offerte indecenti cambiano strategie intere. Ad oggi non è un incastro previsto.

RETROSCENA MAROTTA - Mentre ad avallare questo affare a zero c'è stato Luciano Spalletti, ma anche Beppe Marotta che appena subentrato all'Inter è stato avvisato dei dialoghi avviati e ha sottoscritto il colpo (che porta la firma di Ausilio) più che volentieri, avendo insistito in prima persona per portarlo alla Juventus nella scorsa estate. Niente da fare, Godin ha scelto di restare a Madrid mentre ora arriverà a Milano: l'addio di Marotta alla Juve a suo modo ha indirettamente aiutato l'Inter a stringere, un sapore dolce per il nuovo dirigente nerazzurro. Pronto alle foto di rito con Diego Godin tra qualche mese, questione di tempo. 


GIOCA A FANTACALCIOMERCATO, il gioco più appassionante e divertente del web. 
Si può giocare solo su CALCIOMERCATO.COM e la partecipazione è GRATUITA. 
Basta essere registrati a Calciomercato.com e cliccare su fanta.calciomercato.com