18
E' uno dei migliori esterni del campionato e tra i più apprezzati in Europa, anche in virtù di quei 9 centri in Serie A (più uno in Champions) che lo piazzano dietro soltanto al capitano del Real Madrid Sergio Ramos nella classifica dei difensori goleador dei 5 principali tornei del Vecchio Continente. Robin Gosens è un punto di forza dell'Atalanta che ha messo nel mirino il secondo posto alle spalle della Juve e che in Champions League è pronto a vivere un agosto da protagonista nella Final Eight di Lisbona, dove la banda di Gasperini vuole continuare a stupire, anche il Paris Saint Germain di Neymar, Mbappé e Icardi.

OSSERVATO SPECIALE - Sarà anche questa un'occasione da sfruttare per mettersi in vetrina, per attirare ulteriori pretendenti dopo i sondaggi compiuti nelle passate settimane da Inter, Lione e, ultima in ordine di tempo, la Juventus. "Quando leggi il tuo nome accostato a grandissimi club, tutto ti sembra pazzesco, quasi non ci credi", ha dichiarato Gosens in un'intervista alla tv tedesca Sport1. Stasera, allo Stadium, Gosens sarà uno degli osservati speciali del responsabile dell'area tecnica bianconera Fabio Paratici, alla ricerca di un'alternativa - magari di un potenziale sostituto - di Alex Sandro e l'ex giocatore dell'Heracles Almelo è uno dei profili in cima alla lista.

ADDIO SCHALKE? - Con buona pace dello Schalke 04, squadra per la quale Gosens nutre un grande affetto, augurandosi un giorno di giocarvi ma non nell'immediato: "Ho un contratto con l'Atalanta fino al 2022 e, se dovessi cambiare squadra a fine stagione, vorrei trovare un progetto adatto a me. Non ho mai nascosto il desiderio di tornare in Germania e di giocare per lo Schalke, ma non so se oggi possano sostenere un investimento di un certo tipo e se sarebbe per me una buona destinazione dal punto di vista sportivo", ha aggiunto. Parole significative quelle di Gosens, che riapre in maniera importante alle altre pretendenti, tra cui una Juve che oggi lo esaminerà con particolare attenzione.