7
Un gol per l’Inghilterra e per Finlay. Jack Grealish è entrato nel secondo tempo della prima ai Mondiali della sua nazionale contro l’Iran e ci ha messo venti minuti per entrare nel tabellino. Il suo 6-1 però ha acquisito un significato più profondo quando, per festeggiarlo, il giocatore del Manchester City ha improvvisato uno strano balletto.
 
L’esultanza ha fatto tornare subito in mente ai più attenti una promessa che lo stesso aveva fatto a un suo fan sfegatato. Solo qualche settimana fa infatti la Premier League aveva diffuso un video in cui Grealish leggeva una lettera a lui indirizzata e scritta da Finlay, un undicenne affetto da paralisi cerebrale infantile. Innamorato del Manchester City e della nazionale inglese, il ragazzo si rivolgeva all’ex Aston Villa per raccontargli la sua storia. Una vicenda che non poteva non toccarlo, vista anche la sua di situazione familiare. Jack infatti conosce molto da vicino questa malattia: sua sorella diciannovenne, Hollie, è anch’ella affetta da paralisi cerebrale infantile, dopo essere nata prematura di tre mesi. Nel commovente video sottostante l’incontro tra i due e la richiesta di dedicargli una rete. “Quando segnerai dovrai fare così”, “Ok, la farò al mio prossimo gol!”. Promessa mantenuta, e per giunta ai Mondiali.