164
Due giorni al derby di Milano, l'Inter si prepara a un nuovo capitolo dell'eterna rivalità cittadina con il Milan e lo fa ripartendo dai propri punti fermi. E tra questi c'è indubbiamente Milan Skriniar. Lo slovacco classe '95 è insostituibile per Conte, che ha rinunciato a lui solo in due occasioni durante la prima parte della stagione (squalifica in campionato con l'Atalanta, panchina in Coppa Italia contro la Fiorentina), confermandosi uno dei pilastri del progetto targato Suning. Per il presente, ma il futuro? Non si placano i rumors sull'ex Samp e se si è raffreddato l'interesse del Barcellona, non è calato invece quello della premier League. Trovano conferme infatti le voci sul forte gradimento del Manchester City e soprattutto di Pep Guardiola: la difesa resta un tallone d'Achille per i vincitori della Premier League 2018/19, per questo il tecnico catalano vuole un nuovo rinforzo al centro della retroguardia e ha individuato in Skriniar il nome giusto per rivoluzionare il reparto. Un interesse che parte da lontano, già dall'estate del 2018, e che al termine della stagione potrebbe concretizzarsi in un'offensiva decisa da parte dei Cityzens.

LA POSIZIONE DELL'INTER - Il possibile ritorno del Man City sul centrale slovacco non scompone l'Inter, che ha le idee chiare sul futuro del giocatore. Se Skriniar non è incedibile a priori per Ausilio, Marotta e Suning, la sua partenza può concretizzarsi solo a fronte di un'offerta davvero irrinunciabile: forti del rinnovo siglato lo scorso maggio, che lega l'ormai 25enne (compirà gli anni l'11 febbraio) ai nerazzurri fino al 2023, l'Inter valuta il cartellino di Skriniar non meno di 70-80 milioni di euro, solo una proposta di questa entità potrebbe preludere all'apertura di un'effettiva trattativa e convincere la dirigenza a cercare una potenziale alternativa di spessore. Guardiola non preoccupa l'Inter: la posizione su Skriniar è già chiara in vista della prossima estate.
@Albri_Fede90