1
Tempo di nuovi arrivi a Verona, dopo la bella vittoria contro il Genoa dello scorso weekend (altra grande dimostrazione di carattere da parte di tutta la squadra). Tempo di Borini allora, che ha firmato proprio in queste ore un contratto che lo vedrà vestire la maglia gialloblù per i prossimi sei mesi. Non molti, è vero, ma abbastanza per dargli l'opportunità di riscatto dopo un ultimo periodo al Milan durante il quale ha visto molto raramente il campo di gioco.

"Riscatto" è la parola che vorrei sottolineare, perché lo stesso Borini l'ha utilizzata per descrivere questa nuova avventura a Verona. L'ex attaccante rossonero infatti ha dimostrato già dalle prime ore di Hellas, una grande voglia di ricominciare a calcare il campo di gioco con continuità, per far vedere a tutti che può fare ancora tanto, in un club, che sicuramente vuole crescere sempre di più. Molti potrebbero essere scettici, e lo riconosco, soprattutto difronte ai freddi numeri matematici: Borini ha infatti collezionato 75 presenze milanesi, con 8 gol segnati e 6 assist. Non molto vero, ma andiamo oltre alla fredda matematica, perché il giocatore ha fatto vedere più volte di avere un grande carattere, sia dentro, sia fuori dal campo, fatto di dedizione e di grande lavoro. A livello tecnico inoltre è sicuramente un buon elemento di spinta, soprattutto sulla fascia, suo ruolo naturale, cosa che in questo Hellas manca. 

All'interno dell'economia gialloblù, a mio avviso, potrà essere un valore aggiunto, dato che tutti gli elementi prima indicati, possono dare anche un'alternativa di gioco allo stesso Juric. Cosa fondamentale sarà trovare al più presto l'intesa giusta con i centrocampisti, dato che Borini ama essere liberato negli spazi per offrire un supporto in più agli attaccanti, convergendo verso il cento dell'area. 

Operazione positiva allora, in vista di un girone di ritorno che si preannuncia di fuoco, con l'obbiettivo finale della salvezza e con i sogni di crescita che via via si fanno più concreti. Il calciomercato non è finito e Juric ha ribadito il bisogno di investimenti per migliorare una rosa nell'ottica più grande di una crescita progressiva negli anni. Staremo a vedere e ora, fiducia a Borini!