2
La partita con il Frosinone doveva essere un obbiettivo da non sbagliare, ma inesorabilmente, ancora una volta, la squadra non è riuscita sia a portare a casa la prima vittoria in campionato (si, perchè in 14 partite la formazione gialloblù non ha ancora vinto), sia a strappare un pareggio. Una partita brutta, che ha mostrato tutti i limiti di questa rosa che, pur sempre dimezzata dagli infortuni (fuori anche Pazzini e Gomez), non può più nascondersi dietro alcun alibi. Il primo tempo è stato disastroso, poche vere occasioni e tanta confusione. La risposta d'orgoglio è arrivata ma ancora troppo tardi, quando nel secondo tempo i giochi sembravano potersi riaprire.

La gravità della situazione attuale poi sta tutta nell'episodio che ha visto come protagonista il portiere Rafael, il quale ha compiuto un gesto di follia nel primo tempo costringendo la squadra a giocare in dieci per il resto della partita. Un errore quasi imperdonabile, per il quale la società ha già imposto una multa al giocatore. Rabbia? Nervosismo? Di certo le componenti psicologiche dietro questo fatto sono tante ma sicuramente sono l'espressione concreta dell'atmosfera che c'è nella squadra, visto anche che il portiere dell'Hellas si è sempre comportato bene. 
Il tempo per sbagliare però è finito: come ha detto anche il ds Riccardo Bigon:"Di tempo se ne è già perso, non se ne può perdere altro". La squadra deve ritrovare prima di tutto la condizione psicologica giusta per non cadere ancora più in basso, perchè altrimenti sarà impossibile risalire la china. Mandorlini questo ha provato sempre a farlo, cercando di cambiare i moduli, i giocatori o cercando di spronarli sia durante gli allenamenti che in campo. Attualmente si fanno i nomi dei possibili sostituti di Mandorlini, tra i quali l'ex allenatore del Chievo Eugenio Corini, l'ex dello Spartak Mosca Murat Yakin o Francesco Guidolin. La società ora si è presa del tempo per decidere ma molto presto i tifosi avranno una risposta e sembra anche doveroso perchè proprio quest'ultimi hanno sempre supportato la squadra come meglio potevano, dimostrando che ancora si crede in questa squadra.