27
Si chiama Callum Hudson-Odoi. E in casa Chelsea la sua situazione preoccupa più di quelle legate a Cesc Fabregas o Alvaro Morata, tanto per citare due top player che vorrebbero chiudere le valigie per lasciare la Londra sponda Blues. Diciotto anni appena compiuti, un talento immenso e un caratterino mica da ridere: questo il biglietto da visita dell'attaccante esterno inglese con il contratto in scadenza fissato al 30 giugno 2020. Su di lui il Chelsea non ha dubbi, è un potenziale crack del calcio internazionale. Ma Maurizio Sarri non ha la fretta del giocatore, lo sta inserendo solo gradualmente in prima squadra, utilizzandolo col contagocce alle spalle dei suoi nuovi titolarissimi. Motivo tra i motivi che stanno portando Hudson-Odoi a rifiutare con sempre maggiore decisione le proposte di rinnovo da parte del Chelsea: vuole andare via, questa la presa di posizione che continua a ribadire ormai da diverse settimane. Una situazione che lo rende un'occasione da provare a cogliere al volo, una situazione da osservare con particolare attenzione anche per quel che riguarda la Juve. 

LA SITUAZIONE - Si è mossa anche la società bianconera sulle sue tracce, cercando di capire quali possano essere i margini di inserimento. Che ci sono, ma a condizioni difficili. Perché c'è un Chelsea che spara alto, altissimo: se proprio non ci fosse la possibilità di prolungare il contratto, i Blues lo farebbero partire solo a fronte di un'offerta non inferiore ai 40 milioni di euro, almeno per ora. Una richiesta reale, tutt'altro che figlia di una provocazione. Non a caso il Bayern Monaco, club che fin qui si è mosso con maggiore convinzione, si è visto rifilare un secco “no” alle recenti offerte di circa 25 milioni di euro. L'operazione Pulisic poi potrebbe richiamare in ballo anche il Borussia Dortmund, non però a queste cifre. Che per ora frenano anche la Juve, ma Paratici non molla l'osso, resta alla finestra e aspetta di capire quale sarà il momento giusto per sfidare il Bayern.