Commenta per primo

Zlatan Ibrahimovic risponde a Javier Zanetti, che aveva detto di non essere sorpreso del trasferimento dello svedese al Milan: "Se fossi al suo posto - ha dichiarato lo svedese ai microfoni di Mediaset -, sarei contento quando parlo di Ibrahimovic , finché non è arrivato Ibrahimovic l'Inter non aveva vinto nulla. Se lui dice certe cose di me è un suo problema, non mio".

22.00 Nell'intervallo del match con il Lecce, Zlatan Ibrahimovic, salito su un piccolo palco al centro del campo, ha salutato i tifosi rossoneri con una promessa: "Sono venuto qui per vincere, quest'anno vinceremo tutto".

20.30 "Ibrahimovic è un campione che completa la nostra rosa. Con il tridente Pato-Ibrahimovic-Ronaldinho saremo protagonisti, come sempre, in Europa e nel mondo". Queste le parole di Silvio Berlusconi, patron rossonero, al suo arrivo a San Siro poco prima di Milan-Lecce.  "Con l'arrivo di Ibra saremo obbligati a vincere? Quello sempre...", ha concluso Berlusconi con un sorriso

19.00 Massicce dosi di veleno nelle prime dichiarazioni del neo-rossonero Zlatan Ibrahimovic, che appena sbarcato a Milano, ha preso di mira, ancora una volta, Pep Guardiola: ''Mister filosofo mi ha portato via la gioia, però adesso il Milan me l'ha ridata indietro e ho tanta fame di successi''. ''Finalmente sono qua - ha aggiunto Ibra- sono contentissimo, è stato un po' stressante negli ultimi giorni ma finalmente tutto è finito".

Il Milan? E' la squadra piu' forte in Italia e tra le più forti del mondo e quando ha giocato il trofeo Gamper mercoledì scorso ho visto di là quanta voglia avevano di prendermi al Milan. Non era una decisione difficile, è sempre stata una decisione facile, ho detto si' dall'inizio ma era un problema tra i club. Il paragone con Marco Van Basten? No, perchè lui è una leggenda. In tanti mi hanno detto che il mio stile è simile a quello di Van Basten ma non si possono paragonare giocatori leggende con altri. Lui è una leggenda e rimane una leggenda per me. Sono sicuro che i tifosi si divertiranno - aggiunge l'ex interista- sono qui per vincere e sono sicuro che vinciamo, però tutto. Avevo tanta voglia di giocare già stasera e chiedevo al capo Galliani se potevo giocare ma mi ha detto che non era possibile. Peccato, ma sono sicuro che vinceranno lo stesso''.

Il campione svedese, stasera, riceverà il primo saluto da San Siro, nell'intervallo di Milan-Lecce. L'attesa è notevole e sulle bancarelle sono già apparse le maglie rossonere con l'undici di Ibrahimovic