223
Mauro Icardi e l'Inter, ennesimo capitolo. Una telenovela iniziata lo scorso 13 febbraio e non ancora risolta oggi, quasi cinque mesi dopo. In mezzo, tante chiacchiere, tanta tribuna e panchina prima del ritorno in campo. Un ritorno che aveva però già compromesso il suo rapporto con la società e la tifoseria, rovinando una stagione conclusa guardando dal divano la sua Argentina impegnata in Coppa America. L'alleata, al momento, appare solo una: Wanda Nara, la moglie-agente che anche nei giorni scorsi ha avuto modo di far parlare di sé con alcuni video social che esaltavano la sua figura e i successi del marito. 

'AD ORA IMPOSSIBILE' - Se nei confronti di Wanda, Marotta si è lasciato sfuggire solo un'anonima frecciata, in merito all'attaccante ecco nomi, cognomi e idee chiare. Chiarissime. Nell'intervista di ieri a Sky, Marotta ha ammesso che l'argentino - così come Nainggolan - "non rientra nel progetto". Parole e musica, riecheggiate anche oggi in sede durante la conferenza stampa di presentazione di Conte. "Dichiararlo ufficialmente fa parte del nostro mondo, ma non manchiamo di rispetto a loro. Si alleneranno con noi. "Escludo Icardi alla Juve, non ci sono al momento le condizioni. Della Juve non si vede neanche l'ombra. Il calciatore però è sempre padrone del proprio futuro e la sua volontà sarà prioritaria rispetto alla società"

APERTURA A NAPOLI E JUVE - Parole di circostanza, perchè il futuro di Icardi è in realtà ben definito: sarà addio. Tanto che, quando gli è stato chiesto cosa ne sarà qualora il giocatore rifiutasse tutte le destinazioni, Marotta è stato chiaro: "A fine mercato ne riparleremo, ma al momento dobbiamo essere ottimisti e guardare al futuro diversamente". L'ottimismo e la speranza, dunque, mirano a un'unica direzione: cessione. E in serata, ecco le nuove parole a Sky, dove il dirigente apre anche all'opzione Juve: "Nei giorni scorsi ho appreso, leggendo i giornali, di questo presunto incontro. Ma non ho elementi più concreti per stabilire se si siano visti o no. Non ci sarebbe neanche motivo di nasconderlo perché se questa o quella squadra volesse acquisire i diritti sportivi di Icardi, noi saremmo a disposizione per avviare una negoziazione nel rispetto della professionalità e dei valori di questo giocatore". Poco spazio a interpretazioni, Marotta è lucido e diretto: l'Inter vuole liberarsi di Icardi, ed è pronta ad ascoltare tutte le offerte, senza chiudere la porta a nessuno. Paratici e Giuntoli sono avvisati.