Non è un regalo di compleanno. Prima di tutto è una promessa da rispettare: Beppe Marotta lo ha confermato, aveva garantito a Wanda Nara che avrebbe fatto una nuova proposta per il contratto di Mauro Icardi e l'offerta è stata studiata proprio negli ultimi giorni da tutta la dirigenza dell'Inter. Nonostante l'alta tensione ancora attuale e la fascia da capitano strappata dal braccio di Maurito, entro la fine di febbraio si conta di presentare l'offerta a Icardi per un quinquennale da firmare con l'Inter così da dare anche un forte segnale distensivo, a prescindere da quello che poi sarà realmente il futuro dell'argentino da giugno in avanti, dove è evidente - rinnovo o meno - che tutto rimarrà in bilico in base agli eventi dei prossimi mesi. I DETTAGLI - La decisione dell'Inter è di offrire a Icardi un contratto fino al 2024 di poco inferiore ai 7 milioni di euro, con bonus. Provando ad avvicinarsi alle richieste da minimo 8 milioni dell'entourage dell'argentino ma senza soddisfarle a pieno: questa sarà la cifra messa sul piatto nella nuova proposta per Maurito, con l'idea di confrontarsi in un nuovo incontro per la cifra della clausola rescissoria da modificare (attualmente da 110 milioni di euro, valida dal 1 al 15 luglio solo per l'estero) ma anche per la questione dei diritti d'immagine tornati d'attualità nei dialoghi tra il club e Wanda Nara già da gennaio scorso. L'unico dubbio è proprio sulla clausola, per il resto, l'Inter arriverà a sfiorare i 7 milioni all'anno per Icardi e sarà la proposta definitiva. Palla al giocatore, evidentemente in dubbio in questi giorni a proposito del suo futuro dopo le settimane burrascose con la società; Icardi prenderà il suo tempo ma Marotta non tradisce la sua parola, l'offerta ufficiale dell'Inter è in arrivo. Davvero questione di giorni, ribadendo che anche un'eventuale firma non spazzerebbe via i dubbi sul futuro prossimo di Icardi, anzi molto dipenderà proprio dalla clausola che Wanda vorrebbe ritoccare. Lavori in corso, per un'altra puntata del caso Maurito.