75
E' destinato ad essere uno dei Clasicos più controversi di sempre quello in programma il 26 ottobre al Camp Nou tra Barcellona e Real Madrid. Gli scontri e le proteste attualmente in corso in Catalgona tra indipendentisti e la polizia spagnola - scontri che hanno portato ad un bilancio di 80 feriti - stanno mettendo fortemente a repentaglio il primo grande Clasico della stagione. 

IPOTESI INVERSIONE CAMPI - Il parere unanime è che non si debba giocare nella data stabilita (26 ottobre alle 13.00) a Barcellona: non ci sono le condizioni, non con questo clima di estrema tensione. La prima ipotesi avanzata da LaLiga e dalla Federcalcio spagnola è stata quella di invertire i campi da gioco e far disputare il primo partidazo al Bernabeu mentre al Camp Nou quello di ritorno in programma l'1 marzo. E' arrivata però secca la risposta del Barcellona che, come riporta il Mundo Deportivo, ha fatto sapere al ​Comité de Competición che non accetta giocare la gara d'andata a Madrid. 

RISCHIO RINVIO - La seconda proposta è quella di trovare un'altra data in cui disputare Barcellona-Real Madrid. L'opzione più accreditata è quella di giocare il 18 dicembre al Camp Nou. I due club sarebbero favorevoli a questa soluzione che però lascerebbe scontenta LaLiga che insiste nel mantenere il 26 ottobre. I Blancos e i Blaugrana avranno tempo fino a lunedì per presentare al ​Comité de Competición le loro istanze e le loro proposte.