Commenta per primo

Sarà presentato questa sera a Firenze, alle ore 21, presso l'Off-Bar del Lago dei Cigni alla Fortezza da Basso, il documentario 'We Love Lewboski', a firma dei registi Gianluca Rossetti e Andrea D'Amore. Il documentario racconta la fortunata storia della tifoseria della squadra calcistica di Terza categoria 'Centro Storico Lewboski'. Una tifoseria sui generis, ma che nulla ha da invidiare al fervore, alla coesione e all'organizzazione delle curve delle grandi squadre. 'Quasi tutti noi siamo tifosi della Fiorentina - ha dichiarato a Calciomercato.com Gianluca Rossetti -, stanchi però di dover sottostare a certe restrizioni imposte dall'alto che alla fine hanno trasformato quel mondo in un recinto dove divertirsi è sempre più difficile. Noi ci siamo inventati un mondo a parte. E così per anni ci siamo divertiti per davvero sostenendo questa squadra, l'AC Lebowski, fusione di due formazioni di calcio a sette, ventenni innamorati del cinema che decidono di avventurarsi in Terza categoria col nome del Drugo dei fratelli Cohen e con la consapevolezza dei propri limiti tecnico-tattici'.

Un fenomeno certamente unico in Italia e forse nel resto del mondo. Sintomo del processo di inevitabile rifiuto che si sta guadagnando il calcio 'top gamma' - con i suoi scandali e con i suoi vizi - o anomalia destinata a rimanere tale? E perché, mentre i diritti televisivi fanno girare somme da capogiro, gli stadi sono sempre più vuoti? Il documentario cerca di rispondere a queste domande e non solo. Al termine della proiezione del documentario seguirà un dibattito sull'argomento. Interverranno, oltre ai registi del documentario, anche il giornalista Luca Cellini, il sociologo Lorenzo Giudici, l'antropologo Zaccaria T. Andrews, ed è stato lanciato un appello online per coinvolgere il responsabile delle comunicazioni della Fiorentina Gianfranco Teotino. Modera Pietro Lazzerini, giornalista sportivo.