Commenta per primo
In Russia la situazione relativa al Covid-19 non è delle più semplici. Il Napoli andrà a giocare a Mosca contro lo Spartak Mosca tra cinque giorni in vista della quinta giornata di Europa League. Vincenzo Schiavo, console russo a Napoli, ha parlato ai microfoni di Radio Punto Nuovo. Ecco le sue parole:

IL MOMENTO - "In Russia stanno vivendo la pandemia in modo diverso dal resto d'Europa. Ci sono enormi difficoltà a Mosca, conosciuta che ha avuto un lockdown e quindi un blocco di ingressi per le persone. Intendono, però, portare avanti tutte le attività agonistiche sportive professionistiche ed anche tutti gli impegni presi a livello internazionale".
SPARTAK-NAPOLI - "Ci sarà la gara con tutti i controlli possibili, con tutti restringimenti possibili, con tutti i controlli da farsi per i tifosi ma sarà una partita che verrà giocata regolarmente a Mosca. Anche la Uefa ha espresso il suo parere di proseguire questo incontro. Bisogna salvaguardare le condizioni delle persone, le gioie sportive vanno godute in serenità. Avremo uno stadio dove ci sono solo russi, non si sono potuti fare i visti. È una pecca di coloro che dovevano garantire questa possibilità. Ci sono controlli severi e corretti".

COVID IN RUSSIA - "Come ogni grande malattia, tendono a salvaguardare la quotidianità, l'economia. Si proteggono le persone, ma non si ferma l'economia come si è fatto in Europa. Trasferta preclusa per i problemi con i visti, non si sono più rilasciati visti per entrare. Potranno vedere la gara solo coloro i quali in Russia".