Commenta per primo

Centro Sportivo di Collecchio, poco prima di mezzogiorno. Alessandro Lucarelli scende dal suo fuoristrada per entrare in palazzina. I cronisti lo salutano e uno, da lontano, gli urla: “Oh, ma Cristiano va in India?”. Il fratello d’arte è possibilista: “Può darsi. Ci sta pensando. Ovviamente, però bisognerà vedere cosa deciderà di fare Hernan”. Povero Crespo, l’attacco sta diventando stretto anche nella neonata Lega Indiana, dove vorrebbe portarlo l’altro ex gialloblù dell’Era Calisto Fernando Couto, che ha accettato un incarico da allenatore nel club di Kolkata. Va bene (e poi, e poi…) essere chiusi nella serie A italiana, ma avere problemi di concorrenza anche su un mercato nascente è troppo. E poi ancora con Cristiano Lucarelli con il quale aveva rischiato di “scontrarsi” a Parma la scorsa estate, nel minuto in cui la Torre (non di Pisa…), forte del contratto plurimo che qualche gennaio fa gli volle far siglare Tommaso Ghirardi in persona, sembrava potesse accasarsi di nuovo in maglia crociata. Allora, durante una conferenza stampa congiunta con l’AD Leonardi, Cristianone spiegò che aveva trovato un accordo con la società per non partire per il ritiro ed essere quindi libero di trovarsi un altro club (il Napoli), salvo preannunciare di tornare in futuro come dirigente. E il plenipotenziario garantì che le porte per lui sarebbero sempre state aperte (ma non da giocatore).

Sempre in quel contesto Lucarelli Senior spiegò che, naturalmente ragionando di comune accordo con il Parma FC, non era il caso che restasse perché di giocatori “anziani”, che potessero favorire la crescita degli altri più giovani, ce n’era già uno, appunto Hernan e dunque poteva bastare, perché due sarebbero stati di troppo. Adesso il dualismo rischia di scoppiare per il nuovo Eldorado nell’Asia meridionale.
C. Lucarelli che al Napoli fatica a vedere il campo, ha anche vagliato la possibilità di passare al Lecce dove lo avrebbe fortemente richiesto niente meno che Serse Cosmi, anche se in tanti si chiedono perché dovrebbe chiudere la sua carriera con una probabile retrocessione. Proprio in quei minuti, anzi leggermente, dopo Hernan Crespo, in diretta dal Centro Sportivo su Radio Dee Jay dava di fatto l’annunzio del suo addio, pronunziando con la propria voce sia la data entro cui potrebbe decidersi il suo immediato destino, ovvero il 31 gennaio, giorno in cui il Calciomercato italiano abbasserà le serrande, e la probabile destinazione, appunto l’India. C. Lucarelli permettendo... Poi quando i due avranno terminato di giochicchiare all’estero si ritroveranno di fronte per un nuovo derby “crociato”, quello per diventare dirigenti. Tommaso ha promesso a tutti e due un futuro dietro la scrivania. Ci sarà spazio per entrambi?