126
On fire. La stagione di Gianluca Scamacca, fin qui, è stata d'applausi. Un impatto importante in campionato, con due gol e un assist in cinque partite, devastante in Coppa Italia, con quattro centri in due match, due di questi nella sfida di giovedì sera che ha eliminato i rivali cittadini della Sampdoria. Mica male per un ragazzo alla prima vera stagione da protagonista in Serie A, arrivata, conquistata con merito, dopo un anno da 13 gol complessivi con l'Ascoli, portato alla salvezza tra mille problemi. Per conoscere il suo destino, dopo un'estate di voci, ha dovuto aspettare l'inizio di ottobre, dopo un inizio nell'ombra si è preso la scena, dando credito a Preziosi, che l'ha strappato alla concorrenza di Sporting Braga e, soprattutto, Spezia.

C'E' IL MILAN - Il prodotto del settore giovanile della Roma, 22 anni il prossimo 1 gennaio, è uno degli attaccanti più in forma del momento, uno degli azzurri più interessanti in prospettiva. Lo tiene d'occhio Mancini, sempre molto attento a valorizzare i giovani, lo segue con grande attenzione il Milan, che già in passato aveva annotato il suo nome sul taccuino, senza però approfondire. Il suo profilo piace molto a Maldini e rispetta i parametri economici e anagrafici di Gazidis, quest'anno sarà importante per capire se sarà pronto a fare il grande salto.
IL SASSUOLO GONGOLA - Il Milan per il momento si gode Ibrahimovic, ma è necessario pensare al futuro. Trovare un sostituto di Zlatan è quasi impossibile, rinnovare il reparto offensivo resta l'obiettivo e Scamacca può essere un candidato per aumentare e variare le soluzioni. L'ex giocatore del Psv per ora pensa al presente, a far bene con il Genoa, a fine stagione tonerà al Sassuolo, al quale è legato da un contratto in scadenza nel 2023. Ma a Reggio Emilia potrebbe essere solo di passaggio.