106
Un entusiasmo contagioso, che ha portato in poche ore i tifosi del Milan a prendere d'assalto i canali ufficiali di rivendita dei biglietti per il prossimo impegno di campionato contro il Sassuolo e soprattutto per l'attesissima sfida di Champions League contro il Liverpool del 7 dicembre per provare a centrare un'insperata qualificazione agli ottavi di finale. Tagliandi polverizzati sull'onda dell'impresa di Madrid, che ha confermato una volta di più il ruolo di assoluto leader del gruppo di Stefano Pioli. Meriti che la società rossonera gli riconosce da tempo e che porteranno, venerdì, al rinnovo di contratto fino al 2024. Un segnale tangibile della volontà della società di dare nuovo slancio ad un progetto che inizia a dare i suoi frutti e che potrebbe essere alimentato anche dalle strategie sul mercato. Che spesso e volentieri portano in Francia.

COLPO ANTICIPATO - Per la stagione che verrà, il Milan si è assicurato in anticipo un prospetto in forte ascesa come Yacine Adli, centrocampista offensivo classe 2000 in forza al Bordeaux. Un'operazione da 10 milioni di euro complessivi per un calciatore di qualità assoluta, che i dirigenti rossoneri hanno preferito lasciare in Francia per un'ulteriore stagione, per favorirne un percorso di crescita graduale in vista del trasferimento in Italia. Non trovano conferma i rumors relativi al possibile sbarco in Serie A dell'ex PSG a gennaio, in coincidenza con la partenza per la Coppa d'Africa di Bennacer e Kessie e le difficoltà a prolungare il contratto in scadenza a giugno di quest'ultimo, nemmeno a fronte della serissima situazione finanziara nella quale versa il Bordeaux. Una situazione in continua evoluzione, come riferisce il giornalista francese Romain Molina, molto informato anche sulle vicende della società girondina.
BORDEAUX IN CRISI E IL MILAN... - Nemmeno l'acquisizione nella scorsa estate del club da parte dell'uomo d'affare ispano-lussemburghese Gerard Lopez ha risollevato le sorti finanziarie di un Bordeaux disossato dalla precedente gestione dei fondi M6 e King Street e sull'orlo del fallimento appena pochi mesi fa. Uno spettro che, a quanto pare, torna a riaffacciarsi e che dovrebbe portare a misure drastiche nelle settimane a venire per scongiurare altri rischi imminenti. Per Molina, Lopez è alla ricerca di nuovi introiti economici, reperibili attraverso l'abbattimento del monte ingaggi e la cessione di qualcuno dei pezzi pregiati della squadra. Tra questi figura anche il centrocampista camerunese Jean Onana, un altro classe 2000 che, come anticipato da calciomercato.com, è finito a sua volta nel mirino del Milan. Che studia i colpi di domani per un futuro ancora insieme a Pioli, all'insegna di un rinnovato entusiasmo.