203
Il Milan ha fretta di chiudere. E prepara l'accelerata decisiva. Potrebbero essere ore cruciali per Olivier Giroud, obiettivo numero uno per l'attacco rossonero. Secondo quanto appreso da calciomercato.com, infatti, nella giornata di oggi è previsto un nuovo vertice tra le parti, un faccia a faccia tra l'entourage dell'attaccante francese, impegnato a Euro2020, e la dirigenza del Milan. Un summit per provare a stringere, per capire se ci sono i margini per procedere spediti verso la fumata bianca. Il club è fiducioso, forte di un accordo raggiunto da tempo sulla base di un biennale da 4 milioni di euro netti a stagione - bonus compresi - che permetterebbe al francese di godere dei benefici fiscali previsti dal Decreto Crescita.

NON SOLO LUI - Non rappresenta un problema, invece, l'opzione di rinnovo annuale esercitata dal Chelsea. I Blues, infatti, sono pronti a liberarlo per una squadra straniera, così da non rafforzare alcuna concorrente in Premier League. Il Milan, dal canto suo, potrebbe non fermarsi alla punta transalpina: i dubbi fisici di Ibra, infatti, non lasciano particolarmente tranquilli Maldini e Massara. Che, in aggiunta, studiano la possibile terza punta: le idee portano a Luka Jovic, tornato al Real Madrid dopo il prestito all'Eintracht; Andrea Belotti, in scadenza nel 2022 con il Torino; al giovane Giacomo Raspadori e all'ultima idea Kalajdzic (ieri incontro con gli agenti). Fino alla suggestione Mauro Icardi, ormai ai margini del progetto Psg. La priorità, però, resta Giroud. E il Milan vuole chiudere a breve...