1
10 Nicolas Viola: tripletta contro il Trapani, un mancino da urlo, un gol da 50 metri. Si porta a casa il pallone, il numero 10 del Benevento, simbolo della squadra di Inzaghi

9 Pietro Iemmello: 12 gol in 15 presenze, il bomber del Perugia sembra un altro rispetto alla scorsa stagione a Foggia. Capocannoniere della Serie B, in rete anche nel pareggio col Cosenza. 

8 Galano & Machin: 9 gol il primo, 7 il secondo. Il Pescara si fa riprendere dal Venezia nel finale, avanti 2-0, ma due così, in Serie B, ce li hanno poche squadre. 

7 Giuseppe Mastinu: si era rotto il legamento crociato, è rientrato un mese fa, e sabato ha realizzato il primo gol stagionale, confezionando anche un assist, nella vittoria dello Spezia. Bentornato. 

6 Roberto Muzzi: l'Empoli va sotto, la pareggia, sbaglia un rigore e la vince nel recupero. E ha la faccia del suo allenatore, che trova la prima vittoria. 

5 Giuseppe De Luca: più 5,5 che 5, visto che l'Entella vince. E la Zanzara segna ancora, ma si fa espellere all'80esimo, rischiando di mandare tutto all'aria. 

4 Danilo Russo: impreciso sul gol di Beghetto, causa il rigore di Ciano che porta il Frosinone sul 2-0. 

3 difesa del Trapani: la peggiore del campionato con 27 gol subiti. 5 presi dal Benvento. Male, dopo due vittorie consecutive. 

2 linea del Pisa: Birindelli, Aya, Benedetti, Lisi. Salgono male sul gol di De Luca, che apre la partita e di fatto la indirizza. Al 95esimo, poi, c'è un altro posizionamento errato, figlio però dei tentativi di andare a vincere, con la squadra sbilanciata. 

1 Elhan Kastrati: c'è la sua firma nel gol che ridà vita al Venezia. Il portiere del Pescara si fa trovare impreparato sulla prima rete dei lagunari, facendosi passare la sfera sotto le gambe. 

0 Mattia Mustacchio: capita a tutti di fare un autogol. Questa volta è capitato all'esterno del Crotone, che a Vicenza chiamavano MM7 giocando sul nickname di Ronaldo CR7, in un match che valeva il secondo posto con il Frosinone. Goffo ed evitabile, oggi il voto peggiore va a lui.