10 Ilija Nestorovski: il top player della B, che si ricorda di essere fuori categoria e stende il Carpi. Due gol, un assist. E il Palermo che continua a credere nella Serie A. 

9 Okereke-Da Cruz: bocciati nell'ultimo pagellone, fanno il colpaccio a Benevento. Sull'1-1, prima Da Cruz poi Okereke la risolvono in 3 minuti. I sogni playoff dei liguri passano dalle loro giocate. 

8 Michele Rocca: il Livorno continua a muovere passi verso la salvezza, manda ko la Salernitana e sorride. Grazie al mancino dell'ex Inter, che segna il gol decisivo ed esulta come Piatek. Pum-pum-pum.

7 Alberto Paleari: blinda il pareggio di Foggia con una super parata su un colpo di testa di Iemmello. Se il Cittadella esce con un punto dall'inferno dello Zaccheria lo deve al suo portiere.

6 Gennaro Scognamiglio: manca Mancuso? No problem, ci pensa il difensore goleador. Secondo gol consecutivo, terzo in campionato, un brutto Pescara si appoggia all'ex Trapani per strappare un punto col Cosenza. 5 Angelo Gregucci: ha lasciato la Nazionale per la chiamata della Salernitana. Ma c'è troppa incostanza, con la squadra che dice addio ai sogni playoff dopo il ko con il Livorno.

4 Il Verona: l'Ascoli è sempre avversario ostico, però c'è la sensazione che quando la squadra può fare il salto di qualità, qualcosa non vada per il verso giusto. 

3 Lorenzo Pasciuti: il Carpi ne prende quattro, ma il suo simbolo si fa espellere ingenuamente. Due giallo in 60 secondi: prima allontana il pallone, poi protesta. Si era sul 2-1, ha annientato ogni speranza di rimonta. 

2 Massimo Coda: il Benevento ha la possibilità di passare in vantaggio con lo Spezia, ma il numero 9 sbaglia dal dischetto. Poi, in 3', i liguri la chiudono. 

1 Il Padova: avanti con Bisoli, via Bisoli, richiamato Bisoli, esonerato Bisoli. Una stagione difficile, complicata, compromessa. E la dirigenza ha grandi colpe.