7
Chiamatela pure la strana coppia. Il vecchio e il bambino. Semplicemente due dei grandi protagonisti della grande cavalcata europea del Villarreal dello specialista Unai Emery, che il prossimo 26 maggio si giocheranno la possibilità di regalare al club spagnolo il primo titolo internazionale della propria storia. Un'intesa nata quasi naturalmente tra uno dei migliori difensori centrali del calcio spagnolo degli ultimi 15 anni, Raul Albiol, e un prospetto di campione finito già nel mirino di molte grandi squadre, Pau Torres.

RIMPIANTO NAPOLI - Dieci presenze, due gol e due semifinali di Europa League da esporre al Louvre (o al Prado, per rimanere fedeli alle sue origini) per il centrale classe '85, oltre al solito straordinario contributo di esperienza che anche a Napoli lo aveva consacrato da subito - dal giorno del suo arrivo nell'estate 2012 su precisa imbeccata di Rafa Benitez - come uno dei leader tecnici in campo e dentro lo spogliatoio. Dopo la sua partenza nel giugno 2019 per fare ritorno nella sua Spagna, il club guidato di Aurelio De Laurentiis non ha saputo sostituirlo con un calciatore altrettanto carismatico, capace tra le altre cose di traghettare verso una crescita esponenziale un diamante purissimo ma grezzo come Koulibaly. Per Albiol, quella di Danzica sarà la seconda finale di Europa League in carriera, a 17 anni di distanza da quella vinta con la maglia del Valencia.
IL PUPILLO DI BONERA - Nelle ultime due stagioni, vicino a lui è cresciuto a vista d'occhi un ragazzo cresciuto proprio nei dintorni di Vila-Real e nel settore giovanile di una squadra che è diventata un marchio di fabbrica. Il Sottomarino Giallo è principalmente una scuola di calcio, con un'identità e princìpi ben precisi, mandati a memoria nel tampo anche da Pau Torres. Classe '97, 191 cm di statura che si abbinano a una capacità di far partire l'azione dalle retrovie che non è da tutti. E' venuto su, da bimbo prima e ragazzino poi, ammirando le epiche imprese di vere e proprie icone come Puyol, Piqué e Sergio Ramos, ma in una recente intervista a Marca ha dichiarato di aver appreso tantissimo dall'ex Milan Daniele Bonera, che al Villarreal ha concluso la sua carriera da calciatore. Vedendo sbocciare il talento di un ragazzo pronto a prendersi un posto da titolare nella Spagna di Luis Enrique e a spiccare il volo verso una big europea. Prima però c'è da disputare una partita che è già nella storia. In compagnia di Albiol. Il vecchio e il bambino, la strana coppia.