Gentile Procuratore,

il Napoli esce malamente dall'Europa League e la colpa di chi è? Dei calciatori e dei tifosi del Napoli (pochi i presenti al San Paolo)! Ma la vera colpa della disfatta del Napoli è del nostro Mister che ha allontanato tutti - appunto calciatori e tifosi - dall'ambizione di far bene in Europa. Ha, infatti, sempre detto che l'obiettivo del Napoli sarebbe stato in questa stagione lo scudetto. E ora, che siamo (quasi) usciti ingloriosamente dall'Europa, accusa i suoi giocatori di non essere stati all'altezza, di aver giocato senza entusiasmo, di non aver avuto il piglio giusto ecc. Mi dispiace constatare che gli allenatori non sanno mai assumersi nessun tipo di responsabilità! Sarri rimarrà sempre un piccolo allenatore e lo scudetto ancora una volta se lo cucirà sulla maglia la Juventus. Mi dispiace, da tifoso napoletano, essere così critico, ma non posso ammettere che un allenatore demotivi un'intera squadra così come ha fatto Maurizio Sarri in campo internazionale. La verità? E' Sarri a non avere la mentalità dei grandi allenatori! Napoletanovero '74



Caro Napoletanovero '74,

le cose non stanno come Lei le ha raccontate. Sarri, infatti, nelle interviste che ha rilasciato a fine partita ha parlato al plurale accusando pure il suo operato: "Sono deluso. Non abbiamo la mentalità delle grandi". Il suo J'accuse è diretto anche contro se stesso e la sua preoccupazione è quella che la sconfitta possa avere delle ripercussioni anche sul campionato. E' qui che Sarri dovrà dimostrare a tutti, e pure a se stesso, di essere un allenatore all'altezza, capace di tenere unito il gruppo verso il grande obiettivo (sempre proclamato da inizio stagione) di diventare i nuovi campioni d'Italia!

Passo ora la palla agli utenti di calciomercato.com: è il Napoli a non avere la mentalità delle grandi o è Sarri a non avere la mentalità dei grandi allenatori? 

Per scrivere all'avvocato Cataliotti utilizza lo spazio dedicato ai commenti, oppure vai su www.footballworkshop.it