E' sempre mercato. Tra una settimana l'Inter, dopo lo scontro diretto decisivo in casa della Lazio, saprà se disputerà o meno la prossima Champions League. Un obiettivo fondamentale per il prestigio e per le casse del club nerazzurro, che influenzerà la campagna acquisti estiva. Nel frattempo Ausilio è già al lavoro. Dopo aver prenotato Asamoah, de Vrij e Lautaro Martinez, il ds sta pensando alle prossime mosse. Ieri non è passata inosservata la sua presenza allo stadio di Bergamo. 

L'Inter è in ottimi rapporti con l'Atalanta, come dimostrano gli affari fatti con Gagliardini e Bastoni, acquistato e lasciato in prestito alla corte di Gasperini fino a giugno 2019, anche se il suo approdo a Milano potrebbe essere anticipato. Nella partita contro il Milan, Ausilio ha potuto osservare Cristante (seguito, ma non è il primo obiettivo a centrocampo), Barrow e Ilicic. Questi ultimi due si sono alternati nel ruolo di attaccante: il primo non ha brillato (ma è giovanissimo e rimane un profilo interessante in prospettiva futura), il secondo sì. E ha dimostrato di poter risultare decisivo pure entrando a gara in corsa dalla panchina. 

Anche per questo Ilicic farebbe comodo a Spalletti, che rischia di perdere Perisic, uno dei possibili sacrifici da effettuare sull'altare del fair-play finanziario Uefa. Dal canto suo, Gasperini non vorrebbe privarsi dello sloveno ex Palermo e Fiorentina, specialmente in caso di qualificazione in Europa. Insomma, il futuro di Ilicic è ancora tutto da scrivere.