184
Il Napoli impiega 70 milioni di euro per acquisire Victor Osimhen ma il saldo attivo per il LOSC Lille è di nemmeno 50 milioni. Perché mai? È un interrogativo circolato in Francia dal giorno in cui i media italiani hanno svelato i dettagli sugli accordi fra i due club. Che formano un quadro molto più composito di quanto sembrasse, e prevedono l'inserimento di quattro calciatori che faranno il percorso inverso da Italia a Francia per un controvalore complessivo da 20 milioni di euro. Si tratta del portiere Orestis Karnezis, classe 1985, che fino a poche settimane fa era il terzo a Napoli, e di tre giovani provenienti dalla Primavera azzurra: il difensore Claudio Manzi (classe 2000), e gli attaccanti Ciro Palmieri (classe 2000) e Luigi Liguori (classe 1998, nella scorsa stagione impegnato con la Fermana in Serie C). Le notizie circolate attraverso i media italiani attribuiscono un valore da 5 milioni di euro a ciascuno dei quattro. Ma prima che i media francesi dessero voce all'interrogativo è stato necessario attendere l'annuncio ufficiale dell'ingaggio di Karnezis da parte del Lille, avvenuto venerdì 4 settembre. E soltanto un giorno dopo, sabato 5 settembre, ecco il dettagliato articolo pubblicato dal sito web di France 3.

Nell'articolo vengono espresse tutte le perplessità rispetto al senso dell'operazione e alla valutazione data ai quattro calciatori provenienti da Napoli. Una valutazione che risulta esagerata per Karnezis e lunare per i tre della Primavera, il cui valore stimato da Transfermarkt è di 75 mila euro ciascuno. Nell'articolo di France 3 vengono riportati altri due dettagli che meritano menzione. Il primo riguarda le dichiarazioni rilasciate a Radio Punto Nuovo nelle scorse settimane dall'agente di Manzi, Luca Scarcia, secondo cui il difensore non si trasferirebbe immediatamente in Francia ma anzi sarebbe destinato a giocare la stagione 2020-21 nella Serie C italiana

Il secondo dettaglio si riferisce all'intervento di un agente francese, Hervé Cros, nell'intermediazione del trasferimento dello stesso Manzi. Una consultazione dello spazio dedicato dal sito della federacalcio francese agli accordi stipulati dagli agenti (un inciso: perché la FIGC non fa altrettanto?) informa che Cros ha stipulato sia un accordo col calciatore che una “convenzione tripartita” in cui è coinvolto il Lille. Come specificato nell'articolo, Hervé Cros è un agente che negli anni recenti ha lavorato molto col Lille di Gerard López e Marc Ingla, intermediando le acquisizioni di Gabriel, Thiago Mendes, Luiz Araujo e il prestito di Ezequiel Ponce proveniente dalla Roma.
Le settimane che verranno metteranno chiarezza sul destino de tre giovani del Napoli. Per il momento le schede di Trasfermarkt li danno in forza al LOSC Lille B e capeggiano con gran distacco la classifica delle acquisizioni record della seconda squadra. Il loro podio è inattaccabile, dato che il 4° calciatore più costoso per il Lille B risulta essere il centrocampista camerunense classe 2000 Jean Onana, giunto a gennaio 2020 proveniente dal Leixões (Serie B portoghese) in cambio di 2 milioni di euro e già spedito in prestito al Royal Excel Mouscron, altra società controllata da Gerard López.

Per la cronaca il Lille B, affidato al tecnico portoghese Luis Norton de Matos, milita in National 3, cioè nella quinta divisione francese, equivalente all'Eccellenza in Italia. Ieri ha perso 4-2 sul campo del Boulogne B. Ma con quel trio da 15 milioni di euro non potrà che rialzarsi e sbaragliare la concorrenza. Sempre che i tre vadano davvero in Francia. Perché qui la sola certezza è la plusvalenza monstre realizzata dal Napoli: se non proprio 20 milioni di euro interi, ci si va vicinissimo. Invece il Lille, al netto dei 10 milioni di bonus legati al rendimento di Osimhen a Napoli e ancora tutti da maturare, vede ridurre drasticamente il proprio guadagno. Chiedersi come mai è il minimo. E si ha l'impressione che in Francia continueranno a chiederlo per molto tempo a mister López.

@Pippoevai