91
Coprifuoco tedesco, i vaccinati potranno star fuori casa.
Coprifuoco in Germania, c'è anche lì, dalle 22 alle 5, proprio come da noi. Germania tra una settimana probabilmente lo toglie il coprifuoco. Ma solo per i vaccinati. Gran Bretagna: ieri un solo morto. Niente più distanza obbligata. Ma, forse, solo tra 50 giorni.
Gran Bretagna (ieri una sola vittima da Covid, da noi 256) si dà come traguardo il 21 giugno per rimuovere l'obbligo di mantenere distanze interpersonali di almeno un metro. Anche lì, come da noi, indicazione di non avvicinarsi reciprocamente. Lì in Gran Bretagna collocano, se va bene, tra circa 50 giorni il momento di tornare a stare vicini senza grande pericolo. Lì lo chiamano ottimismo di governo. Qui da noi ci stiamo portando avanti d'iniziativa...popolare.

Sikh: schiavi sì, infetti no.
Sono circa 30 mila, la metà più o meno irregolari. Costano, in euro, a chi li fa lavorare un terzo di quanto costa un bracciante italiano. Costano, in diritti, zero. Chiamano padrone chi spesso e volentieri li imbottisce di anfetamine. Come si fa con le bestie di fatica sacrificabili. Si stima che probabilmente un centinaio tra loro sia già andato a lavorare nonostante avesse Covid in corso, per terrore di essere escluso da tutto in caso di "confessione" della malattia. Una parte di loro, sottoposta a test, ha visto al 15% la percentuale di positivi (variante inglese per ora, non ancora indiana). Il cluster epidemico nella zona pontina terrorizza: se zona infetta allora addio turismo e stagione estiva nel litorale laziale. Sono tutti molto preoccupati e angosciati: albergatori, stabilimenti balneari, ristoranti, bar, commercianti, cittadini comuni, brava e normale gente che oggi si accorge dei Sikh nei campi e tenute agricole. Un soffio di ansia arriva fino a Roma: e se contagio si allarga a Roma distante neanche 100 chilometri? Schiavi, i Sikh nei campi lavorano e vivono come tali. E che ci siano decine di migliaia di schiavi a neanche 100 chilometri da Roma o a un passo dal Circeo e Sabaudia non ha mai inquietato nessuno. Però se diventano infetti...Schiavi sì, infetti no.
Spiagge concessioni: come posto parcheggio pubblico prenotato con una sedia.
Ottomila chilometri di coste, quattromila dati in concessione. Cioè proprietà e spazio pubblico che lo Stato concede (attenzione al termine: concede, non vende o dona o regala o cede) a privati perché ne facciano impresa e lo gestiscano. Quanti privati? Circa 100 mila tra stabilimenti balneari, complessi turistici, campeggi, circoli sportivi. Stabilimenti balneari in senso stretto circa 30 mila che, tutti insieme, pagano per l'affitto-concessione circa 100 milioni allo Stato. Quando va male, circa mille euro al mese, quando va bene circa 100. Cala di Volpe Hotel paga 520 euro, Ultima spiaggia 6000 euro, Papetee Beach 10 mila euro. Quanto durano le concessioni a così stabile buon mercato? Chi le ha serenamente dice: durano a vita. Con lo stesso diritto alla proprietà d'uso che si acquisisce quando con una sedia o con un mattone prendi per oggi e per domani un posto auto nel parcheggio pubblico. Con la legittimità ribadita e invocata di quella sedia: la sedia (o il mattone) segna e prendi posto c'erano anche ieri e magari l'altro ieri. La sedia è la legge di chi per primo ce l'ha messa.