Commenta per primo
Summit interni e incontri interlocutori con i procuratori, utili a “gettare le basi”, hanno scandito la settimana bianconera che si chiude oggi. Ora, in casa Juventus, si passerà alla seconda fase: quella deputata a chiuderle, le operazioni. Le comproprietà di Domenico Criscito e Raffaele Palladino con il Genoa (e annesso arrivo di Leonardo Bonucci); la cessione di Cristian Molinaro allo Stoccarda; la definizione della situazione di Tiago Mendes Cardoso, le cui sorti saranno discusse con i vertici dell’Atletico Madrid. E proprio la questione Tiago “rischia” di diventare la più succulenta e foriera di buone notizie per la Juventus. L’APPUNTAMENTO - Nell’incontro che il direttore generale bianconero Giuseppe Marotta avrà con il direttore sportivo spagnolo Jesús García Pitarch, sarà affrontato in maniera diretta e specifica anche il discorso legato a Sergio Agüero. Non sarà facile, chiaramente, mettere le mani sul El Kun. La Juventus può contare sull’apertura da parte dell’entourage del giocatore. A questo importante dato, tuttavia, fa da contraltare l’altissima valutazione del cartellino del giocatore: oltre 40 milioni di euro. Così come - a rendere ancora più dura la trattativa - contribuiscono le residue volontà da parte dei vertici del club spagnolo di provare a strappare un prolungamento contrattuale, con annesso ritocco dell’ingaggio, al loro talento.