556
Juventus-Napoli ancora, incredibilmente, a rischio rinvio. Un anno e mezzo dopo, poco meno, il copione potrebbe ripetersi: l’Asl del capoluogo campano sta monitorando la situazione legata ai contagi da Covid degli azzurri per capire se c’è ancora, per loro, la possibilità di partire in aereo per Torino. La partita è prevista giovedì alle ore 20.45 allo Stadium. Il Napoli, quindi, dovrebbe imbarcarsi sul volo direzione Caselle già nella giornata di mercoledì. Mancano insomma poche ore, e i casi aumentano.


Sì perché martedì sono saliti i contagiati nel Napoli: positivi altri 3 giocatori (Mario Rui e il Primavera Boffelli, più Malcuit che però non ha avuto contatti con il resto della squadra), un magazziniere, un membro dello staff e l’allenatore Luciano Spalletti. Questi si aggiungono a Osimhen (che è in Nigeria), Lozano (in Messico) e Elmas (in Macedonia). Nella Juve i contagiati restano quattro, al momento: Chiellini, Arthur, De Winter e Pinsoglio. Se l’Ats di Torino fa sapere che “non c’è nessun focus sulla gara”, quella di Napoli come detto sta analizzando la situazione per capire se autorizzare o meno la trasferta.


Per i positivi l'isolamento è di 10 giorni, per i contatti stretti di 5. Domani altro giro di tamponi, che pure dirà tanto sulle reali chance che la partita si giochi. Poi si esprimerà l’Asl, che potrebbe decidere di bloccare la trasferta, come già successe nel campionato scorso. La Lega Serie A fa muro: nessuna partita verrà rinviata. Il timore è di rivivere le surreali scene viste allo Stadium il 4 ottobre 2020.