184
Pickford 7: guarda uscire di un niente il pallone calciato da Chiesa, nel primo deve solo raccogliere un tiro prevedibile di Verratti. Nella ripresa è reattivo su Insigne e, soprattutto, Chiesa. Miracoloso su Verratti, senza colpe su Bonucci. Agli undici metri respinge il penalty di Belotti, ma non basta. 

Trippier 6: grande sorpresa di Southgate, che lo preferisce al più offensivo Saka, dimostra la sua qualità telecomando l’assist per Shaw. Il suo momento di gloria di esaurisce lì, poi fa il compitino.

Walker 5,5: Guardiola la plasmato come terzo di difesa in grado di fare entrambe le fasi. Dopo la fiammata iniziale si mette dietro e respinge tutto quello che può. Va in difficoltà quando Chiesa transita dalle sue parti (120’ Sancho 5: entra per i rigori, sbaglia il suo)

Stones 6: prova maiuscola dal punto di vista fisico, con Insigne davanti perde riferimenti 

Maguire 6,5:  fioretto o spada, non ha timore di non sembrare bello. Granitico e pragmatico. Questo Europeo l'ha consacrato. 

Shaw 6,5: quello criticato da Mourinho, dà un pugno in faccia all’Italia dopo neanche due minuti. “Scalo io, scali tu”, Barella e Chiesa vanno nel pallone. Primo tempo “La Grande Bellezza”, cala alla distanza.
Rice 7: taglia e cuci, usa alla grande il fisico, sul dinamismo non ha eguali. Gli piace vincere facile, contro un Barella sottotono (74’ Henderson 6: prova sufficiente, senza picchi (120’ Rashford 5: entra per calciare il rigore, lo sbaglia)

Phillips 6: densità e legna, ma quando perde di lucidità finisce nel palleggio azzurro. Ha il merito di non mollare mai

Mount 5: qualche lampo, ma da uno del suo talento tutti ci aspettavamo di più (100’ Grealish 

Sterling 6 partecipa alla fase difensiva con dedizione e sacrificio, si accende a intermittenza. Chiedo noiosamente il rigore. E' calcio, non danza, il contatto fa parte del gioco. 

Kane 5,5: un 9 trasformato da 10, quando si abbassa per inventare è un pericolo costante. Ma da uno che vale oltre 100 milioni è lecito aspettarsi di più

Southgate 6: Inghilterra all’italiana, chiudi e riparti. Il gol del vantaggio lo agevola, poi piazza il bus davanti a Pickford. Ha poco coraggio, con una panchina così poteva fare di più. Ma ha il merito di aver portato l'Inghilterra a giocarsi un titolo.