Gli affari a costo zero non mancano in queste settimane. Se il Milan ha praticamente chiuso per Pepe Reina e Ivan Strinic, l'Inter vuole definire il colpo Stefan de Vrij e continua a lavorare per Asamoah. Ma non è tutto: nella lista valutata da Ausilio e Sabatini c'è anche il nome di Domenico Criscito, ex terzino di Genoa e Juventus ormai diventato colonna dello Zenit San Pietroburgo. Da anni, Criscito vuole tornare in Italia e finalmente a giugno scadrà il suo contratto con i russi, sempre restii nel lasciarlo partire, ancor più con Mancini - suo estimatore - in panchina.

AVANTI IL GENOA - A gennaio scorso, l'Inter si è fatta avanti per Mimmo come occasione low cost su indicazione di Luciano Spalletti, già allenatore di Criscito a San Pietroburgo per anni. Il sondaggio nerazzurro ha trovato il muro dello Zenit che si è opposto a una cessione anticipata se non di fronte a un'offerta economica comunque elevata. L'Inter si è tirata indietro, ora con il suo agente D'Amico si è tornati a parlare di Criscito: offerto ai nerazzurri, adesso Mimmo è solo un'idea e non più una trattativa concreta, visto il dialogo aperto con Asamoah per lo stesso ruolo. Tanto che Criscito è pronto a tornare proprio al 'suo' Genoa qualora l'Inter non volesse andare oltre i semplici contatti di queste settimane: proposti 5 anni di contratto da giocatore e un futuro da dirigente, il terzino mancino è orientato a dire sì. E il Grifone è avanti...