Il direttore sportivo dell'Inter, Piero Ausilio ha dichiarato a Radio RAI all'indomani della vittoria per 3-2 contro la Lazio, che ha dato ai nerazzurri la qualificazione in Champions League: "C'è entusiamo e soddisfazione per aver raggiunto un obiettivo importante anche a livello economico, con una decina di milioni in più". 

CALCIOMERCATO - "Ora vogliamo dare continuità al nostro progetto, cercheremo di costruire un'Inter migliore. In ogni caso il lavoro di Spalletti e della squadra è positivo. Smentisco l'interesse del nostro allenatore per Florenzi e Bruno Peres. Vogliamo ripartire dai nostri calciatori migliori, tra cui Brozovic e Perisic. Handanovic non lo vedo in calo, anzi è uno dei migliori portieri d'Europa". 

ICARDI - "Mauro ha altri 3 anni di contratto, eravamo già d'accordo di discuterne insieme a fine stagione. C'è la volontà di cambiare il suo contratto, riconoscendogli quanto di buono ha fatto sul campo". 

RISCATTI - "Cancelo e Rafinha hanno dato un contributo importante, ma dobbiamo fare delle valutazioni economiche. La Champions ci darà una mano, ma non risolve i problemi di questo bilancio: il fair-play finanziario ci impone di fare delle plusvalenze. Non sarà facile perché gli altri club (Valencia e Barcellona, ndr) non fanno sconti, ma stiamo cercando delle soluzioni e sono sempre fiducioso". 

DE VRIJ - "Anch'io lo avrei fatto giocare, non è l'unico caso di calciatore che sapeva di andare via. Noi abbiamo agito secondo le regole, abbiamo informato la Lazio a marzo e poco dopo abbiamo depositato il contratto. In Inghilterra o in Germania non se ne sarebbe parlato. Oltre a lui, abbiamo già preso altri due nuovi giocatori (Asamoah e Lautaro Martinez, ndr)".