486
Il valore del brand Inter raddoppia. Secondo quanto emerso da uno studio di Brand Finance, nell'ultimo anno il club nerazzurro è balzato dal 28esimo al 13esimo posto nella classifica dei 50 club più importanti d'Europa, crescendo del 100%: rispetto ai 195 milioni di euro del 2017, ora il marchio Inter vale 389 milioni di euro. Un dato che appare ancor più clamoroso se si pensa che sotto la gestione Suning il valore sia triplicato rispetto a quando a guidare la società di Corso Vittorio Emanuele c'era Thohir (che ora detiene ancora il 31% del club). 

CRESCITA - L'indagine di Brand Finance prende in considerazione diversi parametri, tra cui troviamo il numero di tifosi (virtuali e non), i risultati sportivi, le cifre legati agli sponsor fino al valore dei calciatori presenti in rosa. Il ritorno nella fase a gironi di Champions League dopo 7 anni dall'ultima volta ha dato lo slancio decisivo per la crescita del club, sia sotto il punto di vista tecnico che economico. Clamorosa la rimonta sulla Juventus, con il gap più che dimezzato (da 245 a 106 milioni di euro). L'Inter si posiziona al 13esimo posto, due posizioni alle spalle dei bianconeri; nella Top 50 anche Milan (19esimo), Roma (24esima), Napoli (31esimo), Lazio (38esima) e l'Atalanta (43esima).

FUTURO - "Siamo tornati appetibili, oggi ci sono grandi calciatori che vogliono venire a giocare qui". Luciano Spalletti ne aveva già parlato in riferimento alla trattativa per portare Luka Modric in nerazzurro. La crescita del brand - la seconda in termini di incremento, alle spalle solamente del RB Lipsia - in concomitanza con quella tecnica e la fine nel 2019 dei paletti imposti dal Fair Play Finanziario, aumentano l'appeal della società e aprono scenari importanti in vista delle prossime sessioni di mercato.