126
Calciomercato.com e Moneyfarm vi presentano sette trasferimenti della finestra di mercato estiva del 2020.

Conte voleva esperienza per la sua Inter. E' stato accontentato. I nerazzurri hanno chiuso il colpo Kolarov con la Roma, Marotta regala al suo allenatore il giusto profilo per un salto di qualità a livello di personalità, oltre che un nuovo specialista da calcio piazzato: laterale a sinistra, terzo dei tre centrali, il serbo diventerà una pedina molto utile nelle mani dell’ex allenatore di Juve e Chelsea, che seguiva da tempo il mancino di Belgrado. Il trasferimento è stato chiuso titolo definitivo, con un indennizzo nelle casse della Roma, che saluta così il classe ’85 dopo 132 partite, 19 gol e 20 assist. E’ arrivato tra lo scetticismo generale, a causa del suo passato alla Lazio, si è rivelato da subito calciatore prezioso per la causa giallorossa. Riportato in Italia da Monchi, con Guardiola al City, seppur in una sola stagione, si è evoluto dal punto di vista tattico: alla Lazio era solo spinta, coi Citizens ha fatto anche il difensore puro, abile nell’impostare col suo sinistro educato. E Conte vuole utilizzarlo proprio come, in passato, lo ha utilizzato Pep. Spina nel fianco delle difese avversarie sì, ma anche abile ed esperto difensore.



"L’indice Moneyfarm si basa su un algoritmo che permette di stimare il valore di ogni calciatore e confrontarlo alle condizioni economiche dello scambio e del contratto, così da offrire una lettura più scientifica dei colpi di mercato di questa stagione 2020/2021.” Scopri di più

Valutazione Moneyfarm: 3,8/5

Punteggio importante per un calciatore che si accinge a spegnere 35 candeline. Forte esperienza in difesa, duttilità e un profilo di qualità ne determinano il punteggio elevato. Da un punto di vista finanziario l'acquisto di Kolarov all’Inter si configura come una scelta tattica. Va a puntellare la fascia sinistra dell'Inter, seppur in ottica di breve periodo essendo prossimo al termine della sua carriera. Arriva ad un prezzo di saldo e con un contratto di un solo anno con opzione per il secondo che incide in maniera marginale sui conti nerazzurri. L'importanza del colpo aumenta ulteriormente se consideriamo la sua versatilità. Il doppio ruolo che Kolarov può ricoprire come terzo centrale a sinistra e di esterno in alternativa a Young può rivelarsi perfetto per il 3-5-2 di Conte.
Il modello premia così l'ingaggio competitivo a fronte di valori di performance significativi. Specialista delle punizioni, a pesare sull'indice è soprattutto il valore di goal partecipation, che nella scorsa stagione conta 7 goal realizzati di cui 2 su rigore e 3 su punizione.


Quella nerazzurra sarà la terza maglia italiana per Aleksandar Kolarov: prima, appunto, la Lazio, che lo prese dal’OFK Belgrado, poi il passaggio in Premier League; qui, durante gli anni inglesi al Manchester City, dove è stato portato da Roberto Mancini, attuale commissario tecnico della Nazionale, che ha versato 18 milioni di euro nelle casse laziali il serbo ha contribuito alla vittoria di numerosi trofei, tra cui due Premier League con 21 gol e 37 assist in 247 partite. Infine, il ritorno in Italia, ma nella sponda giallorossa della Capitale, alla Roma. Accoglienza, come detto, non semplice per il suo trascorso biancoceleste, ma a suon di prestazioni ha conquistato la Roma e la sua tifoseria. Così come ha conquistato Conte, che lo vuole con sé nell’assalto interista allo scudetto della prossima stagione. La strada intrapresa dall’Inter su questo mercato è chiara: sì all’esperienza, no (almeno per il momento) ai giovani da costruire e aspettare. E Kolarov è il manifesto perfetto della politica contiana. 

Vai a segno con i tuoi investimenti. Scopri la consulenza Moneyfarm.

Moneyfarm è una società di Gestione del risparmio scelta da oltre 40.000 investitori in Europa. Grazie al suo sistema innovativo e altamente tecnologico è stata nominata miglior consulente finanziario indipendente in Italia per cinque anni consecutivi.”