64
L’Inter del futuro non potrà fare a meno di una peculiarità: l’imprevedibilità in fase offensiva. Spalletti vuole giocatori tecnicamente abili e dalla spiccata rapidità. Ecco perché gli occhi di Piero Ausilio e quelli degli scout nerazzurri sono vigili nello studiare i profili di tutta Europa e in tal senso spunti interessanti arrivano dall’Europa League e più precisamente dalla cara bottega del Lipsia.

QUALITA' PER SPALLETTI - Ieri osservatori nerazzurri erano presenti al Vélodrome per assistere alla gara tra Marsiglia e Lipsia, sotto la lente d’ingrandimento degli scout c’è il jolly offensivo Bruma, ex Galatasaray e Real Sociedad, uscito sconfitto ma con la soddisfazione personale del gol. Giocatore di piede destro, ma che può giocare su entrambe le fasce. Da migliorare il feeling con il gol (quest’anno sei in stagione, finora) ma le sue ripartenze creano parecchio scompiglio, un’arma tanto cara a Luciano Spalletti, alla ricerca di quella qualità che latita.

SE PARTE ICARDI - L’altro osservato speciale del Lipsia è Timo Werner, punta classe ’96 che in stagione ha già totalizzato 19 gol. Ieri non ha giocato contro il Marsiglia perché reduce da un infortunio, ma l’Inter ha acceso i riflettori su questo giovane ragazzo, che però potrebbe realmente interessare solo ed esclusivamente se dalle parti di Appiano Gentile risulterà necessario, ad un certo punto, cedere Mauro Icardi.