60
Dodici giorni alla conclusione del mercato invernale. Dodici giorni in casa Inter per trovare una soluzione al caso Eriksen e tentare di sbloccare un mercato ad oggi completamente fermo. E che anche per il trequartista danese non ha portato che a timide manifestazioni di interesse giunte al suo procuratore Martin Schoots, nulla che potesse convincere l'ex Tottenham a presentarsi da Marotta per avere l'avallo alla cessione. E così l'ultima speranza per il club nerazzurro diventa la Premier League, dove Eriksen vanta ancora estimatori, tra cui proprio la sua precedente squadra.

SPERANZA ARSENAL - José Mourinho ha aperto al ritorno del numero 24 nerazzurro, il suo presidente Daniel Levy non ha detto no, ma non offre niente più del prestito e si aspetta un contributo da Suning al pagamento di ciò che resta del pesantissimo ingaggio da 7,5 milioni di euro netti. Condizioni ritenute irricevibili dall'Inter, che continua a sperare che nelle prossime due settimane si palesi un club intenzionato a presentare argomenti più convincenti. Uno di questi potrebbe essere l'Arsenal, che vanta in rosa calciatori con qualità che ben si sposerebbero con le esigenze manifestate più volte da Antonio Conte. Granit Xhaka è un pallino di vecchia data, ma le ruggini col tecnico dei Gunners sono un ricordo lontano, tanto che lo svizzero è ormai un titolare pressoché inamovibile.
LA SUGGESTIONE - E' nata così dunque una suggestione che conduce fino a Madrid e porta a Lucas Torreira, playmaker che resta di proprietà dell'Arsenal e che, complice lo scarso impiego avuto nei primi mesi con la maglia dell'Atletico, è stato nuovamente accostato alla Serie A e a quelle formazioni alla ricerca di un giocatore con le qualità. Tra cui anche Fiorentina e Torino. Conte ha denunciato a più riprese l'assenza di un'alternativa a Brozovic in quella delicata zona del campo e l'esperimento di Eriksen in Coppa Italia contro la Fiorentina non ha funzionato del tutto. Torreira avrebbe tutto, per doti tecniche e atletiche, per colmare il vuoto, ma ad oggi non si può parlare di una vera e propria pista di mercato, perché le società coinvolte in un eventuale scambio sarebbero tre - l'Atletico Madrid dovrebbe dare l'ok all'interruzione anticipata del prestito - e Pablo Bentancur, agente del giocatore, non conferma. 

LA SMENTITA - "Nessun contatto con l’Inter per Torreira. Non ho ricevuto nessuna chiamata. Torreira è dell’Atletico, sta molto bene a Madrid e non si muoverà a gennaio", ha dichiarato il procuratore uruguaiano a fcinter1908.it. Parole chiare e nette, ma alla fine del mercato mancano 12 giorni: gli stessi nei quali i nerazzurri sono chiamati a prendere una decisione, in un senso o nell'altro, sul futuro di Eriksen.