110
Furto in casa Perisic. L’esterno d’attacco dell’Inter si è presentato poco dopo mezzogiorno in caserma dei carabinieri in via della Moscova per denunciare di essere stato vittima di un furto nel suo appartamento al diciannovesimo piano del Bosco Verticale, in zona Garibaldi a Milano. Come riporta l'edizione online de La Stampa, ai carabinieri del comando provinciale ha raccontato di aver scoperto che qualcuno ha portato via dal primo cassetto della sua cassettiera tre orologi, per un valore complessivo di oltre 80mila euro. Due erano della moglie: un Rolex da 20mila euro e un’edizione limitata di Audemars Piguet, modello Carolina Bucci, da 50mila. Uno suo: un Hublot in acciaio da 12mila euro. "I due orologi da donna era custoditi all’interno dello stesso contenitore - ha precisato a verbale - e quello da uomo in un altro".




“L’ultima volta che ho visto gli orologi rubati è stato il 27 maggio prima di partire per la Croazia”, ha aggiunto Perisic, precisando che “la porta d’ingresso dell’abitazione non ha segni di effrazione”. A impedire il furto non è bastato il servizio di portineria garantito 24 ore su 24 nel palazzo e il registro in cui all’ingresso si prende nota di chi, autorizzato dai padroni di casa, può usare le chiavi di scorta affidate al portinaio per entrare e uscire dall’appartamento. L’unica persona che in questi giorni sarebbe entrata - regolarmente registrata e autorizzata dai Perisic - è la donna che si occupa delle pulizie.