40
L'Inter non abbandona la pista Gervinho: come raccontato da Calciomercato..com, l'ivoriano è stata idea dell'ultima ora per i nerazzurri, che volevano rinforzare ulteriormente il proprio reparto offensivo acquisendo una freccia dalla grande velocità e imprevedibilità, affinché Conte avesse una carta destabilizzante in più nel proprio reparto offensivo.

IL NO DI RAIOLA E PINAMONTI AL PARMA - Come confermato direttamente dal direttore sportivo del Parma Marcello CarlI, il classe 1987 è stato in uscita fino alla fine, con l'Inter che ha provato ad aggiungerlo al reparto offensivo composto da Lukaku, Lautaro Martinez e Sanchez, offrendo Andrea Pinamonti come contropartita tecnica. Niente da fare, l'arciere di Cles, insieme al suo agente Mino Raiola, ha deciso di rifiutare i Ducali, chiedendo di restare all'Inter. Destinazione non gradita e in linea con le desiderata del calciatore, che tra l'altro ha recentemente prolungato il suo contratto fino al 2024 e ha un ingaggio importante, da 2 milioni di euro più bonus.

AFFARE PER GENNAIO - Conte però chiedeva un attaccante veloce in grado di poter spaccare le partite e l’Inter ci ha provato fino all’ultimo, senza trovare gli incastri giusti: per questo a gennaio il nome dell'ex Roma tornerà di attualità, verificando le condizionI migliori per portarlo a Milano. Un'idea non tramontata, ma solo rimandata, considerando che quest'anno i mesi senza mercato saranno solamente tre, con la sessione invernale che dista solo dodici settimane. Che passano veloci, come Gervinho.