38
La papera contro il Napoli ha rimesso sul banco degli imputati per l'ennesima volta Samir Handanovic, nonostante il buon campionato disputato dal portiere sloveno e nonostante il fatto che la porta dell'Inter sia la meno battuta della Serie A insieme a quella della Juventus, con 28 reti al passivo. In casa nerazzurra però la figura del portiere al momento non è oggetto di discussione, essendoci altre priorità a livello economico e sul mercato. Un vice Lukaku (Dzeko?) e un centrocampista di esperienza (Wijnaldum): sono queste ad oggi le piste privilegiate sulle quali stanno lavorando Beppe Marotta e Piero Ausilio, al netto della pioggia di soldi che potrebbe arrivare nel caso in cui il progetto Superlega prendesse veramente consistenza in tempi brevi.

ALTERNATIVE CONGELATE - Con tutta probabilità quindi il 36enne Handanovic sarà il portiere titolare dell'Inter anche nella prossima stagione, vedremo se con rinnovo (l'ipotesi più probabile) o meno del contratto in scadenza il 30 giugno del 2022. E' in base a questa decisione che per il momento la dirigenza nerazzurra ha congelato l'ipotesi Juan Musso (per il quale c'è l'interesse crescente della Roma), pur restando comunque attenta ad eventuali soluzioni che si presentino sul mercato, con una lista di nomi attenzionati che comprende sia l'attuale portiere dell'Udinese che Alex Meret del Napoli.