20
Buone notizie per i tifosi dell'Inter, Mauro Icardi resterà nerazzurro: "Mi mancano ancora tre anni di contratto, penso che dovrò rimanere qua. Perché guadagno così poco? Bisognerebbe chiederlo al mio agente. Forse non è tanto sveglio? Può essere (ride, ndr)". L'attaccante argentino è stato ospite del nuovo programma di Piero Chiambretti ("Grand Hotel Chiambretti), in programma questa sera in seconda serata.

PREMIER LEAGUE E TIFOSI - "Devo andare in Inghilterra per prendere di più? Se mi vogliono, prima devono pagare l'Inter". Icardi è pronto a tornare a esultare: "Ho già parlato con i tifosi, acqua passata. Abbiamo capito tutti che è stato un momento difficile. Sinceramente mi sono inc..zato perché avevo regalato dei pantaloncini a un bambino e li hanno ributtati indietro".
BARCELLONA - Maurito parla anche della sua parentesi blaugrana: "Non ho mai giocato in prima squadra con il Barcellona perché ero giovane. Poi sono andato via, ho scelto di giocare alla Sampdoria. Al Barça sono tutti piccolini e giocano palla a terra. In Italia il calcio è molto più fisico. Messi? L'ho conosciuto a Barcellona. E' stato uno dei primi ad invitarmi a giocare lì. Perché vomita? Per lo stress di essere il numero uno al mondo. Meglio lui o Ronaldo? Io sono argentino, quindi dico Messi".

TEVEZ, OSVALDO E BALOTELLI - C'è spazio anche per un commento su Tevez: "Chi preferisco tra me e Carlitos per la Nazionale argentina? Tevez (ride, ndr), è il capocannoniere...". Sulla questione Osvaldo: "A dire la verità non sono entrato subito nello spogliatoio dopo il litigio. Mi sono fermato a parlare con i giornalisti, quindi non so cosa sia successo prima. Ci siamo visti il giorno dopo e c'è stato un po' di nervosismo". In chiusura una battuta anche su Balotelli: "In realtà non lo conosco. Non so dire se siamo simili oppure no. Lui è un po' più scuro (ride, ndr). Dicono tutti che è un po' matto".