560
In difficoltà, al di là delle parole. ​Giorni fa il presidente Steven Zhang, con un comunicato, smentiva le indiscrezioni riguardo a una trattativa di vendita dell'Inter, la realtà è però ben diversa. Come scrive oggi il Corriere della Sera Suning, che detiene poco meno del 70% del club (il restante 30% è nelle mani del fondo Lion Rock di Hong Kong, comunque legato a Suning), è in trattativa con il fondo Bc Partners per trovare un socio, l'idea iniziale, o cedere la totalità dell’Inter.

SITUAZIONE - Il fondo, che di solito non si occupa di calcio e opera principalmente nell’ambito delle Tmt (Tecnologia, Media, Telecomunicazioni) ha già svolto una prima la fase preliminare di studio dei conti. Per il momento non si è parlato di valori, ma una quotazione realistica dell’Inter si aggira sui 750 milioni: il club però ha due bond in circolazione da ben 375 milioni e sta cercando di finanziarli nuovamente. L’interesse di Bc Partners è relativo a quanto gira attorno al club: merchandising, diritti televisivi e il nuovo stadio. Se però dovesse acquistare non solo una parte ma tutto il club, la gestione sportiva diventerebbe determinante.
STIPENDI - Per l'Inter è un momento di grandi difficoltà, con Suning che ha chiuso i rubinetti. Con il titolo che in borsa viaggia ai minimi storici degli ultimi sei anni, esportare capitali dalla Cina è diventato sempre più difficile. Bisogna risparmiare e pensare alle prossime scadenza. La prima il 16 febbraio, con le squadre di serie A che devono saldare quattro mensilità: i nerazzurri dovranno mettere sul piatto una sessantina di milioni. In questi tempi di crisi di liquidità un bell'impegno.