229
Era il febbraio del 2018, due anni e mezzo fa. Quello il momento cui fa riferimento Antonio Conte quando parla di un video di Luciano Spalletti, ricevuto in questi giorni e legato proprio a un vecchio sfogo dell'ex allenatore dell'Inter in merito alla situazione del club. Perché in quell'occasione, Spalletti aveva tuonato contro l'interno della società: "Qui all'Inter c'è una talpa, qualcuno parla coi giornalisti", Luciano non le aveva mandate a dire accendendo un caso perché troppe notizie - di campo e non solo - filtravano dalla Appiano Gentile.


Quello stesso video è stato ricevuto da Conte in questi giorni e Antonio lo ha sottoscritto. "Due anni dopo non è cambiato niente", il riferimento è chiaro. Perché l'attuale allenatore pensa ancora che ci sia chi fa filtrare notizie, non si sente protetto e lo ha detto chiaramente, ma soprattutto non accetta che possano emergere costantemente le problematiche fuori dal campo dei suoi giocatori. Va quasi alla sfida diretta. Perché mentre il club annuncia sanzioni per Brozovic, Conte lo schiera. Ma attenzione: il caso del croato con le notizie che escono in continuazione sul suo conto non torna, è un esempio cui Antonio fa riferimento. Perché su alcuni giocatori dell'Inter esce sempre qualsiasi notizia e in altri club non accade? L'esempio recente fa rumore, Conte non gradisce questa costante esposizione mediatica. Come disse Spalletti, la talpa c'era. E Conte è convinto ci sia ancora.