71

Inter-Napoli 2-0

Handanovic 6,5: vola a sventare la bomba di Allan. Antenne sempre vigili per salvaguardare quei sette metri e trenta centimetri di porta. 

D’Ambrosio 6,5: mette la museruola a Insigne. Spinge poco, ma tanto davanti a lui c’è un Brozovic super lusso. 

Miranda 7: leader assoluto, guida la difesa e misura tutti gli interventi. Un pendolo precisissimo.

Murillo 6,5: tiene a bada Gabbiadini con il supporto di Miranda. 

Nagatomo 6,5: motorino inesauribile. L’asticella dell’attenzione è altissima per tutta la durata della gara, non commette mai una sbavatura. 

Brozovic 7: con lui Mancini ha pescato il Jolly, ma nel vero senso della parola. A centrocampo è l’uomo ovunque: esterno, mediano, trequartista. Intelligenza superiore. 

Medel 7: solita partita alla Medel, abbina l’assist alla Pirlo. Icardi ringrazia. 

Kondogbia 6,5: vive a fasi alterne, è capace di grandi giocate e dormite inspiegabili. Esce ammonito, ma applaudito da tutto il Meazza.
(Dal 68’ s.t. Biabiany 6: entra subito con la giusta mentalità, si sacrifica e aiuta D’Ambrosio nel contenimento di Mertens)

Perisic 6,5: per poco non mette a segno un gol dei suoi con il solito inserimento sul secondo palo. Offre una prestazione di spessore, diventa sempre più importante. 

Jovetic 7: Dimostra di essere ancora un campione. Con la palla tra i piedi non avverte alcuna pressione, anzi, si diverte. Nasce da una sua invenzione il gol del raddoppio.
(Dal 77’ s.t. Felipe Melo s.v.)

Icardi 8: la partita perfetta. Corre, segna, serve l’assist: questa sera in campo c’era un 9 universale, ma non era Higuain.
(Dal’88’ s.t. Palacio s.v.)

All. Mancini 7,5: questa sera merita un voto altissimo. L'Inter interpreta alla perfezione lo spartito che lui detta dalla panchina. Bravo anche nei cambi.