108
Handanovic 6,5: Subito sollecitato da Orsolini, è bravo a distendersi alla sua sinistra per sventare il pericolo. Si ripete su destro di Santander dallo stesso lato.

Cedric Soares 5,5: Un buon intervento su Poli in area di rigore. All’esordio in nerazzurro dal primo minuto, si preoccupa di giocare una gara ordinata.

(Dal 33’ s.t. Ranocchia 6: Va a fare il centravanti alla Toni e quasi lo imita con una girata volante sventata da Skorupski. Quindici minuti di passione).

de Vrij 4,5: In marcatura su Santander, si addormenta lasciandosi anticipare dall’attaccante felsineo che trova la rete del vantaggio ospite.

Skriniar 6: Mantiene la lucidità nonostante il momento nero.

Dalbert 5,5: Una bella chiusura volante su Orsolini e un assist a Vecino (dopo bello scambio con Perisic) che l’uruguaiano spreca malamente. Tra i pochi a mostrare applicazione.

Brozovic 5: Il migliore dei suoi fino al vantaggio ospite, poi il gol di Santander sega un po’ le gambe anche a lui e inizia a giocare con troppo nervosismo.

Vecino 4,5: Dalbert lo libera in area di rigore con un bel tracciante rasoterra, ma il centrocampista uruguaiano mostra gambe tremanti e spedisce il pallone alto sopra la traversa.

Candreva 5: A destra nel tridente offensivo, regala poche emozioni. Giusto un tiro alto sulla traversa e qualche cross. Spalletti, sotto di un gol, decide di lasciarlo negli spogliatoi alla fine del primo tempo.

(Dal 1’ s.t. Lautaro Martinez 4,5: Cala il tris: dopo il gol sbagliato a porta vuota contro Torino e Lazio, riesce nella medesima impresa anche contro il Bologna.

Nainggolan 4,5: Inizia trequartista e finisce mediano davanti alla difesa, non incide in nessuna delle due posizioni. Esce tra i fischi assordanti del Meazza.

(Dal 23’ s.t. Joao Mario 4,5: Trotterella in campo, totalmente privo di cattiveria agonistica, nonostante il match ne richiederebbe molta.

Perisic 5: Fischiato quando lo speaker del Meazza annuncia il suo nome, gioca con un pesante fardello sulle spalle e Mbaye risulta avversario complicato.

Icardi 4,5: Si avventa come un falco sullo sciagurato retropasaggio di Poli, ma poi calcia ad occhi chiusi e spreca clamorosamente la chance per sbloccare immediatamente il match. In campionato non segna dal 15 dicembre.


Spalletti 4: L’Inter non propone nulla e riparte dagli errori visti contro Torino e Lazio. La crisi si espande a macchia d’olio e il tecnico toscano prova il tutto per tutto gettando all’aria i quaderni tattici e inserendo Ranocchia centravanti per riprendere il match. Gesto estremo che l racconta tutta.

BOLOGNA

Skorupski 6,5: In uscita bassa mura un lanciatissimo Icardi diretto a rete. Sventa anche l’insidiosa sassata di Nainggolan. In volo plastico spedisce in angolo la girata di Ranocchia.

Mbaye 6,5: Dal suo lato agiscono Dalbert e Perisic, così il ragazzo bada alla concretezza tattica. Annulla il croato e si prende la propria rivincita da ex.

Danilo 7: Bravo quando segue il taglio di Icardi e ne intercetta il tiro che avrebbe potuto sorprendere Skorupski. Si immola su Icardi e devia in angolo un pallone destinato a finire in rete.

Lyanco 6,5: Buona intesa con Danilo, le uniche due infilate che prendono, sono in realtà gravi errori di Poli e Pulgar. Esce per un problema fisico.

(Dal 4’ s.t. Gonzalez 6,5: Un’ottima chiusura su Icardi, poi rischia l’erroraccio da incubo in area di rigore; rimedia con scaltrezza e fortuna.

Dijks 6,5: Spinge con buona gamba e non soffre mai quello che a turno gravitano nella sua zona.

Poli 6: Avvio shock con un retropassaggio killer verso Skorupski, che Icardi intercetta e spreca malamente. Poi registra i giri e inizia a mordere caviglie in giro per il campo.

Pulgar 6,5: Dai suoi piedi parte il cross che Santander spedisce alle spalle di Handanovic. Poi sbaglia uno stop e aziona una ripartenza che Icardi non sfrutta. A centrocampo battaglia senza tregua.

Soriano 6,5: Più trequartista che mezzala, gioca con buona intensità e impensierisce la retroguardia nerazzurra.

Palacio 6,5: Esperienza da vendere, sa come far salire e respirare la squadra nei momenti di bisogno. Con i suoi movimenti taglia in due la difesa dell’Inter. Esce per crampi, applauditissimo dai suoi ex tifosi.

(Dal 24’ s.t. Krejci 6: Entra nel momento in cui l'Inter prova l'assedio e non si lascia intimidire).

Santander 7,5: Incorna su cross di Palacio e manda di poco a lato. Ci riprova di destro, imbeccato da Soriano, ma Handanovic si esibisce in una bella parata. Al terzo tentativo trova il gol anticipando de Vrij, troppo timido in marcatura su palla inattiva.

(Dal 42’ s.t. Destro: s.v.)

Orsolini 6: Il primo squillo del Bologna è tutto suo, ma Handanovic disinnesca il suo velenoso tentativo. Poi sparisce dalle zone pericolose, ma sa sacrificarsi.

Mihajlovic 7: Rianima un Bologna che sembrava finito e imbriglia l'Inter con enorma corsa e ripartenze intelligenti.