121
L'Inter ragiona, riflette, programma. Lo fa in silenzio, dietro le quinte di un calcio fermatosi da due mesi, ma non a sufficienza per interrompere dialoghi e trattative di mercato. Dalla Spagna, giorno dopo giorno, il pressing del Barcellona è continuo. Il sogno blaugrana Lautaro Martinez è tutt'altro che un mistero e nelle scorse ore sono arrivate anche le parole di Quique Setién, tecnico dei catalani, che ha lodato il Toro: "Tutti abbiamo chiaro che ci sono 4 o 5 calciatori che giocano in questa posizione e che sono straordinari, ognuno di loro ha la possibilità di stare nel Barcellona. Lautaro può entrare molto bene in questa squadra". 

MOSSE - Parole e musica che si riflettono inevitabilmente su quelle che saranno le delicate scelte di Beppe Marotta. L'ad dell'Inter sa quanto l'argentino non voglia puntare i piedi. Anzi, sta bene a Milano e proseguirebbe volentieri l'avventura in nerazzurro. Dall'altro lato della medaglia, però, le ambizioni blaugrana chiamano, rafforzate dalla presenza di Leo Messi. Marotta, dal canto suo, inizia ad agire. Negli ultimi giorni sono continui i contatti con l'entourage di Edinson Cavani, in scadenza di contratto a giugno con il PSG. Ancora nessuna offerta ufficiale, ma il Matador si è inserito in maniera concreta sulla lista nerazzurra.
LA CHIAVE - La stessa lista dove, da qualche settimana, c'è anche Timo Werner, macchina da gol in Bundesliga. Gli affari sono completamente diversi: da una parte un giocatore in scadenza, al quale garantire un ingaggio importante e che potrebbe avere più fretta di capire il suo futuro, dall'altra una giovane stella ambita a livello europeo, per la quale serviranno - almeno - 60 milioni. Tutto dipenderà da Lautaro e dalla sua eventuale cessione: l'addio del Toro è la chiave alla base di tutto, tempistiche e guadagno influiranno sulle mosse nerazzurre. L'Inter, intanto, non attende. La prima mossa è stata fatta.